Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

Descrizione del corso

Il Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia di Trieste, nato nel 1965, è strutturato come Laurea Magistrale, a ciclo unico, in 6 anni.

L'accesso è programmato con test a livello nazionale. Iscrive al primo anno 140 studenti.

Si propone l'obiettivo di formare Medici in grado di occuparsi: della promozione della salute, della prevenzione della diagnosi e prognosi delle malattie e di fornire le cure primarie alle persone ammalate.

Il corso di Laurea si è dotato di un piano di studi, fondato sul principio di perseguire la massima integrazione possibile fra le discipline insegnate, moltiplicando le occasioni, in cui i Docenti sono presenti, contemporaneamente, in aula e coinvolgendo gli studenti in maniera interattiva. Testimonianza dello sforzo, fatto in questa direzione, deriva dal numero di esami totali: 28, compresa la prova finale, con votazione e dal fatto che non ci sono Insegnamenti, con meno di 5 crediti.

Al terzo anno, Medicina Interna, Chirurgia Generale e 13 discipline specialistiche affini sono insegnate in un unico corso, con 13 segmenti e 27 crediti, esame finale scritto ed orale. L'integrazione è conseguita con: lezioni frontali, meeting, problems solving, esercitazioni, tirocinio.

L'interazione con gli studenti è promossa sia attraverso la compilazione, in rete, di moduli a quiz, proposti dalla sezione Education del British Medical Journal, sia attraverso il role playing (occasione in cui gli studenti presentano casi, tratti dal New England Journal of Medicine, con la presenza di almeno tre Docenti, di cui uno specialista di riferimento).

Il corso di Laurea svolge, a partire dal terzo anno, le lezioni nelle aule annesse all'Ospedale di Cattinara, dotato di un sistema di telemedicina, che permette collegamenti da ambulatori e da reparti, con le aule della didattica.
Il sistema permette inoltre collegamenti anche con aule di altri Atenei per attività didattiche comuni (lezioni ed esercitazioni sul paziente).

Alcune attività didattiche, che hanno come caratteristica impattante l'immagine (vedi angiologia, radiologia, ecocardiografia), ma anche procedure diagnostiche (vedi biopsie o prove di funzionalità respiratoria, broncoscopia, endoscopie) o terapeutiche (emodialisi) si prestano, in maniera eccellente, ad essere svolte con l'ausilio della telemedicina. Anche la discussione di casi clinici si avvale in maniera molto efficace di tale tecnologia, in quanto il paziente può essere ripreso, nel caso lo consenta, permettendo di far apprezzare i dettagli della visita e, nel caso non sia ottenuto il permesso di riprenderlo, ascoltando, dal vivo, la sua storia, alla raccolta della quale, contribuiscono, direttamente, gli studenti, i quali possono anche consultare, previo consenso informato, l'archivio elettronico, che raccoglie tutti i referti degli esami diagnostici e delle visite specialistiche effettuate.

Al primo ed al secondo anno, gli studenti frequentano un tirocinio pratico, centrato sull'assistenza infermieristica e psico-sociale e sul sostegno ai bisogni primari del paziente, svolgendo almeno 4 turni di guardia, di 12 ore ciascuno, di accoglimento, di pazienti indirizzati ai reparti di Medicina Interna, nel primo anno, ed altrettanti turni + turni di guardia in pediatria ed ostetricia, in gruppi di 4, nel secondo anno. In queste occasioni, il loro ruolo è, effettivamente, attivo (compilazione della scheda infermieristica e rilevazione dei segni vitali). Al primo ed al secondo anno, sono previste esercitazioni di laboratorio: chimico, biochimico e di microscopia, nel mentre, al secondo anno, il corso di anatomia umana prevede la frequenza della sala autoptica, per un corrispettivo di due crediti.

Nel primo semestre del terzo anno, gli studenti imparano le manovre semeiologiche, sia attraverso la visione di filmati, sia attraverso l'esame obiettivo tra pari, sia visitando pazienti con patologie d'organo. L'apprendimento della auscultazione del cuore e del polmone si avvale di un simulatore che riproduce in maniera altamente fedele i referti. Dal terzo anno, gli studenti praticano il tirocinio, affiancando, nei turni di 12 ore, i Medici di guardia, attivi nei vari servizi dell'Ospedale, durante l'arco dell'anno. Inoltre, almeno due ore di ciascun giorno, da ottobre a dicembre e da marzo a maggio compresi, frequentano i reparti, a rotazione, in gruppi di 4, sia al fine di approfondire le conoscenze delle discipline che stanno studiando, sia ai fini di orientamento per le scelte future.

Dal 4° anno gli studenti continuano a frequentar i reparti e gli ambulatori dell'ospedale, mentre dal 5° anno anche gli ambulatori dei Medici di medicina generale. Per l'apprendimento di alcune "technical" e non "technical skills", si avvalgono anche dell'uso di un simulatore avanzato, che permette ai tutor di creare ambienti di lavoro realistici.
Accanto agli insegnamenti, previsti dal “core curriculum”, è stato introdotto anche un insegnamento di Cure Palliative, per 1 CFU.

Viene offerta allo studente la possibilità di partecipare a programmi di studio all'estero (Erasmus). E' stata stipulata anche una convenzione con la Scuola di Medicina della Temple University di Filadelfia (USA), per consentire lo scambio degli studenti che frequentano i due Corsi di Laurea. Il Corso di Laurea aderisce anche al progetto "ATLANTIS", che consente di ospitare studenti Statunitensi, del biennio preclinico.

Per la preparazione della tesi di laurea, sono previsti 18 crediti, 7 dei quali, a partire dal secondo semestre del 5° anno, nel mentre il tirocinio professionalizzante del 6° anno è pari a 21 crediti.

Conseguita la Laurea in Medicina e Chirurgia, per esercitare la professione, è richiesto il superamento di un esame di abilitazione e la successiva iscrizione all'Ordine dei Medici.

Dopo la Laurea, è possibile esercitare la professione di medico generico o accedere, superando un test, alle Scuole di Specializzazione o al Corso di Formazione per i Medici di Medicina Generale.