Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

Descrizione del corso

Il Corso di Studi Magistrale (CdSM) in Ingegneria dell'Energia Elettrica e dei Sistemi nasce da un originale connubio tra le materie dell'ingegneria elettrica (impianti elettrici, convertitori, macchine ed azionamenti elettrici) e dell'automatica (sistemi e automazione industriale).
L’importanza dell’Ingegneria dell’Energia Elettrica e dell’Ingegneria dei Sistemi nonché il forte legame tra di esse è evidenziato da queste tre affermazioni caratterizzanti:
1. l’Ingegneria dell’Energia Elettrica si occupa di una forma di energia che si riesce a produrre, a distribuire, a governare e ad utilizzare con relativa facilità e con delle perdite contenute;
2. la gestione dell’energia elettrica, dalla sua produzione all’utilizzazione, avviene in maniera razionale, efficace ed efficiente grazie all’approccio sistematico e formale offerto dall’Ingegneria dei Sistemi;
3. l’Ingegneria dei Sistemi ha il suo fondamento nell’ambito scientifico dell’Automatica e comprende la modellazione della realtà, la teoria dei Sistemi, i controlli automatici.
Pertanto il CdSM in Ingegneria dell'Energia Elettrica e dei Sistemi persegue il duplice scopo di:
1) permeare in modo interdisciplinare i tradizionali insegnamenti dell'ingegneria elettrica con tematiche quali la modellistica e l'approccio sistemistico per la gestione e il controllo degli apparati;
2) integrare la preparazione degli studenti di automazione industriale fornendo loro competenze di conversione statica, macchine elettriche, azionamenti elettrici e sistemi elettrici di potenza.
Il CdSM dura due anni ed è articolato in insegnamenti con l’obiettivo di formare laureati aventi adeguate conoscenze su argomenti scientifici e su metodologie generali, nonché abilità professionali specifiche, negli ambiti disciplinari dell'ingegneria elettrica e dell'ingegneria dei sistemi e specificatamente nei settori dei convertitori elettronici di potenza, delle macchine elettriche, degli azionamenti elettrici, degli impianti elettrici, delle misure elettriche, della modellazione e controllo dei sistemi.
Si accede al CdSM dopo aver conseguito una laurea di primo livello (triennale) nella quale si siano acquisite solide conoscenze nelle materie di base dell’ingegneria (matematica, geometria, fisica, chimica, informatica), conoscenze generali e fondamentali negli ambiti caratterizzanti dell’ingegneria industriale e specificatamente dell’ingegneria elettrica e automatica.
Durante i due anni di corso lo studente viene seguito personalmente dai docenti, trova adeguata assistenza nella predisposizione della sua carriera accademica individuale e si può inserire in un ambiente stimolante e aperto costituito da studenti, laureandi e laureati focalizzati sul CdSM.
I laureati possono trovare occupazione nelle aziende di produzione, negli uffici di progettazione, negli enti di gestione e pianificazione non solo di settori strettamente inerenti l'energia elettrica e l'automazione industriale ma anche di molti altri settori lavorativi, grazie ad una preparazione basata su un approccio sistemistico e metodologico e con spiccata vocazione interdisciplinare.
I neo-laureati sono accompagnati nel mondo del lavoro oltre che dalle strutture dell’Ateneo anche dai docenti del CdSM grazie alle loro numerose collaborazioni in atto con le aziende del settore.