Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

Sbocchi professionali

Ingegnere elettronico

Funzioni: L'ingegnere elettronico e' in grado di progettare componenti, sistemi e processi, di condurre esperimenti e di analizzarne e interpretarne i dati; di comprendere l'impatto delle soluzioni ingegneristiche nel contesto sociale e fisico-ambientale; di conoscere le proprie responsabilità professionali ed etiche; di conoscere i contesti aziendali e la cultura d'impresa nei suoi aspetti economici, gestionali e organizzativi; di conoscere i contesti contemporanei. L'ingegnere elettronico possiede gli strumenti per aggiornare autonomamente le proprie conoscenze.

Competenze: L'ingegnere elettronico troverà sbocchi professionali nei settori della produzione, gestione, manutenzione e progettazione assistita di dispositivi e sistemi elettronici, di telecomunicazione e dell'automazione.

Sbocco: I principali sbocchi occupazionali sono quindi imprese di progettazione e/o produzione di dispositivi, componenti, sistemi e apparati elettronici; imprese di progettazione, installazione e gestione di infrastrutture nonché di fornitura di servizi per le telecomunicazioni; contesti produttivi che fanno largo uso di sistemi automatici e robotizzati (Industrie manifatturiere, imprese di servizi); imprese elettromeccaniche, elettroniche, spaziali, aeronautiche, automobilistiche, navali, etc.

Ingegnere biomedico

Funzioni: L'ingegnere biomedico ricopre funzioni tecnico-scientifiche nei servizi di ingegneria delle strutture sanitarie; valuta le specifiche dei dispositivi medici da acquisire e ne gestisce l'introduzione, la manutenzione e l'eventuale dismissione; valuta i costi/benefici associati all'impiego di una determinata tecnologia biomedica; verifica le condizioni di utilizzo e di funzionamento della strumentazione e degli impianti e ne valuta il rischio connesso al loro uso; verifica mediante tecniche analitiche e prove di laboratorio il comportamento di strumenti, biomateriali, protesi, organi artificiali e sistemi diagnostici in vitro.

Competenze: L'ingegnere biomedico necessita, oltre che di capacita' di auto-apprendimento e di aggiornamento continuo, di adeguate competenze trasversali di tipo comunicativo-relazionale, organizzativo-gestionale e di programmazione, in accordo con il livello di autonomia e responsabilità assegnato, con le modalità organizzative e di lavoro adottate e con i principali interlocutori (colleghi, altri professionisti e clienti pubblici e/o privati).

Sbocco: I principali sbocchi occupazionali dell'ingegnere biomedico sono i servizi di ingegneria biomedica (o ingegneria clinica / tecnologie biomediche) nelle strutture sanitarie pubbliche e private, nel mondo dello sport, dell'esercizio fisico e dell'intrattenimento; le società di servizi per la gestione di apparecchiature ed impianti biomedici; le industrie di produzione e commercializzazione di apparecchiature per la prevenzione / diagnosi / cura / riabilitazione / monitoraggio, di materiali speciali, di dispositivi impiantabili e portabili, di protesi / ortesi, di sistemi robotizzati per applicazioni biomediche; la telemedicina e le applicazioni telematiche alla salute; l'informatica medica relativamente ai sistemi informativi sanitari ed al software di elaborazione di dati biomedici e bioimmagini; l'industria farmaceutica e quella alimentare per quanto riguarda la quantificazione dell'interazione tra farmaci/sostanze e parametri biologici.

Ingegnere gestionale

Funzioni: L'ingegnere gestionale opera con funzioni di coordinamento e organizzative, sulla base di conoscenze interdisciplinari tali da conferirgli capacità progettuali e decisionali, in ambienti in cui le problematiche gestionali, organizzative, e distributive interagiscono con quelle tecnologiche; sviluppa, a supporto della direzione, modelli e sistemi organizzativi per la definizione e l’implementazione della strategia aziendale, anche in relazione a processi di innovazione aziendale, e applica modelli di controllo per l’esecuzione di tali strategie; opera con funzioni di progettazione e modellazione di sistemi informativi e servizi informatici.

Competenze: Le competenze principali dell'ingegnere gestionale sono relative a impianti industriali, logistica, gestione della produzione, controlli automatici, ricerca operativa, economia aziendale e analisi di bilancio, gestione aziendale e sistemi di controllo di gestione, tecnologie web, reti di telecomunicazione, modelli di supporto alle decisioni.

Sbocco: L'ingegnere gestionale trova impieto in aziende manifatturiere, aziende di servizi e di logistica, pubbliche amministrazioni, società di consulenza, organizzazioni no profit, aziende di servizi e di logistica.

Ingegnere delle telecomunicazioni

Funzioni: L'ingegnere delle telecomunicazioni svolge attività qualificata nell'analisi e simulazione di sistemi di trasmissione analogici e numerici, nella gestione di reti di sensori e di reti wireless o cablate per la trasmissione dati, nell'analisi e misure su apparati per l'acquisizione e l'elaborazione dei dati.

Competenze: L'ingegnere delle telecomunicazioni possiede buona conoscenza delle discipline matematiche e fisiche di base, ottime conoscenze nell'area della teoria dei segnali e della propagazione elettromagnetica, dei sistemi e delle reti di telecomunicazioni, dei sistemi di acquisizione ed elaborazione dei dati. Ha inoltre una buona competenza nell'elettronica di base, nelle discipline informatiche e nella programmazione, ed e' in grado di utilizzare strumentazione per la misura delle prestazioni dei sistemi di telecomunicazione.

Sbocco: L'ingegnere delle telecomunicazioni ha prospettive occupazionali in società di ingegneria e in imprese manifatturiere, di produzione di apparati, di servizi e di gestione di sistemi, operanti non solo nei campi specifici delle telecomunicazioni e della telematica, ma ovunque sia presente il problema della gestione e del trasporto dell'informazione. Oltre all'attività di libera professione per la progettazione e la realizzazione di sistemi, anche locali, di telecomunicazioni, sono possibili sbocchi occupazionali in enti pubblici e privati di servizi di telecomunicazioni e telerilevamento terrestri o spaziali e in enti normativi e di controllo del traffico aereo, terrestre e navale.

Ingegnere informatico

Funzioni: L'ingegnere informatico contribuisce al progetto e sviluppo di soluzioni informatiche che possano rendere più efficienti i sistemi produttivi. Il dominio di applicazione spazia dai classici sistemi informativi all'uso dell'informatica in ambito industriale, per automatizzare i processi produttivi.
Per l'ingegnere informatico e' fondamentale la buona comprensione delle problematiche relative allo sviluppo di software, che caratterizza da sempre il mondo dei sistemi informativi e riveste un ruolo già importante e in continua crescita nell'ambito delle soluzioni di automazione, elettroniche e di rete che caratterizzano le applicazioni industriali.

Competenze: Le principali competenze dell'ingegnere informatico riguardano metodologie e strumenti per lo sviluppo di sistemi informatici in rete, progetto e gestione di basi di dati, progetto e disegno di infrastrutture di rete, progetto e disegno di soluzioni per l'automazione e il controllo, progetto e disegno di sistemi elettronici.

Sbocco: Principali sbocchi occupazionali per l'ingegnere informatico sono imprese di servizi e manifatturiere e la pubblica amministrazione, nelle funzioni di progettista di sistemi software, gestore di impianti informatici, programmatore di sistemi di automazione, progettista di sistemi elettronici.