Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

RESTAURO E RIGENERAZIONE DEL PATRIMONIO COSTRUITO (050AR-7)

A.A. 2021 / 2022

Docenti 
Periodo 
Annualità singola
Crediti 
6
Durata 
48
Tipo attività formativa 
Altro
Percorso 
[PDS0-2015 - Ord. 2015] comune
Syllabus 
Lingua insegnamento 

ITALIANO

Obiettivi formativi 

Il corso ha come obiettivo la trasmissione di un atteggiamento e di un metodo per l’analisi e la progettazione volta al restauro e alla rigenerazione del patrimonio costruito.
D1. Conoscenza e capacità di comprensione: capacità di comprendere la misura e i modi di intervento all’interno di un preciso contesto modificando le relazioni urbane, i caratteri figurativi, l’uso.
D2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: il progetto finale rappresenterà la sintesi delle argomentazioni teoriche e pratiche affrontate, esso sarà espressione dell’applicazione di un metodo, un procedimento non in senso lineare ma un sistema stratificato di molteplici considerazioni capace di condurre ad espressione compiuta e sintetica.
D3. Autonomia di giudizio: attraverso il progetto lo studente dimostrerà la sua capacità di giudizio innanzitutto nei confronti del luogo ma anche in riferimento alle scelte progettuali, principi costruttivi e soluzioni architettoniche che dovranno essere coerentemente poste.
D4. Abilità comunicative: verranno valutate quelle verbali, nella capacità di argomentare le scelte progettuali fatte, ma anche di scrittura attraverso l’utilizzo di elaborati grafici rappresentati in scala adeguata.
D5. Capacità di apprendimento: la capacità di apprendimento viene stimolata dalla conoscenza teorica, attraverso le lezioni frontali e le letture suggerite, e attraverso le prove progettuali richieste.

Prerequisiti 

Costituisce prerequisito l'aver frequentato i Laboratori propedeutici al Laboratorio di Progettazione Integrata, come da Regolamento del Corso di Studi.

Contenuti 

Il corso si occuperà di progettazione architettonica in ambito urbano, questo comporta il necessario confronto con strutture insediative di rilevanza storica all’interno di sistemi morfologicamente determinati e la loro messa in relazione con fattori geografici ambientali: come dire che è il luogo a costituire la prima rivelazione materiale del manufatto architettonico.
Nel corso delle lezioni e attraverso l’esercizio progettuale, verranno prese in esame le strategie del progetto contemporaneo nell’ambito di operazioni di restauro e recupero del patrimonio edilizio esistente che verranno sviluppate partendo dalla scala architettonica fino a quella del dettaglio.
Attraverso la scelta, non solo del programma funzionale ma anche dei principi costruttivi, dei materiali, delle soluzioni tecniche e di quelle architettoniche, verrà attivato un processo di sintesi, insito nel progetto stesso, che non può essere sostituito con la sola somma dei tanti saperi coinvolti.
Le lezioni teoriche affronteranno il tema del progetto contemporaneo attraverso discussioni, illustrazioni e presentazione di progetti pertinenti.

Metodi didattici 

Il modulo di restauro e rigenerazione del patrimonio costruito si articolerà in lezioni teoriche, seminari ed esercitazioni pratiche, coordinati con quelli degli altri insegnamenti. Le esercitazioni pratiche si svolgeranno in gruppi di al massimo 3 persone.

Le lezioni si terranno a Gorizia, presso la sede del Polo di via Alviano 18.
Eventuali cambiamenti alle modalità qui descritte, che si rendessero necessari per garantire l'applicazione dei protocolli di sicurezza legati all'emergenza COVID19, saranno comunicati nel sito web di Dipartimento, del Corso di Studio e dell'insegnamento.

Programma esteso 

Per consultare il programma esteso ed aggiornato sulla base delle esigenze dimostrate dagli studenti durante il corso, si rinvia alla piattaforma e-learning Moodle.

Modalità di verifica dell'apprendimento 

La verifica dell’apprendimento avverrà progressivamente nel corso dell’attività didattica attraverso la costruzione di un confronto dialettico sui temi dell’architettura, della conservazione e dell’innovazione; inoltre le ripetute discussioni sul progetto costituiranno un metodo per la verifica dell’applicazione del metodo progettuale proposto.
Le diverse fasi di lavoro verranno scandite attraverso la predisposizione di consegne di esercitazioni intermedie, finalizzate a valutare il progredire del lavoro e al confronto in aula tra docenti e studenti sulle questioni via via affrontate.
L'esame si svolgerà mediante la presentazione degli elaborati grafici e scritti prodotti da ogni gruppo nel corso del Laboratorio e un contemporaneo colloquio individuale sui temi teorico-disciplinari attinenti al progetto, trattati nel corso delle lezioni ed approfonditi con la lettura di alcuni volumi della bibliografia generale e di quella suggerita di volta in volta a lezione.
La valutazione finale si baserà per 2/3 sul progetto e per 1/3 sulla preparazione teorica.
Eventuali cambiamenti alle modalità qui descritte, che si rendessero necessari per garantire l'applicazione dei protocolli di sicurezza legati all'emergenza COVID19, saranno comunicati nel sito web di Dipartimento, del Corso di Studio e dell'insegnamento.

Altre informazioni 

Sulla piattaforma e-learning Moodle saranno resi disponibili, oltre al programma del corso, ulteriori materiali da utilizzare per lo studio e l'approfondimento dei vari temi trattati: http://moodle2.units.it

Testi di riferimento 

V. Gregotti, Architettura, tecnica, finalità, Laterza, Bari 2002.
F. Espuelas, B. Melotto, Il vuoto riflessioni sullo spazio in architettura, Marinotti, 2004.
K. Frampton, Tettonica e architettura. Poetica della forma architettonica nel XIX e XX secolo., Skira, Gimevra-Milano 2007.
R. Moneo, L'altra modernità. Considerazioni sul futuro dell'architettura, Marinotti, Milano 2012.

NB: altri riferimenti bibliografici saranno forniti durante le singole lezioni.


Torna all'elenco insegnamenti