Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

PROGETTAZIONE DEL TERRITORIO (050AR-1)

A.A. 2019 / 2020

Periodo 
Annualità singola
Crediti 
6
Durata 
48
Tipo attività formativa 
A scelta dello studente
Percorso 
[PDS0-2015 - Ord. 2015] comune
Syllabus 
Lingua insegnamento 

ITALIANO

Obiettivi formativi 

La Costituzione italiana ha sostituito, nel 2011, alla locuzione “urbanistica” quella di “governo del territorio”; una formazione completa nel campo del progetto alla scala della città, del territorio e del paesaggio deve quindi prevedere la possibilità di apprendere concetti ed elaborare progetti sia in relazione al territorio fisico, sia per il governo dei processi che al suo interno si svolgono e che ne consentono la fruizione e la cura.
Il corso si propone quindi di fornire allo studente le seguenti competenze conoscitive e capacità:
D1. Conoscenza e capacità di comprensione: lo studente dovrà conoscere e saper elaborare attraverso il progetto concetti come sostenibilità, rigenerazione, sussidiarietà, resilienza, che assumono sempre maggiore importanza, soprattutto in territori di antico insediamento, come quello europeo.
D2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: lo studente dovrà saper applicare le competenze acquisite nella pianificazione di parti di città, territori urbanizzati e paesaggi che si sono sviluppati e modificati come un palinsesto territoriale. Al suo interno si colloca nel prossimo futuro l’operare del progettista, chiamato a renderli sia nuovamente attrattivi, sia adeguati a confrontarsi con le sfide future.
D3. Autonomia di giudizio: lo studente dovrà dimostrare di saper affrontare, coordinando analisi e progettazione urbanistica, lo studio autonomo di ambiti e temi rilevanti, le più interessanti sfide da raccogliere per chi intende occuparsi del governo del territorio contemporaneo.
D4. Abilità comunicative: al termine del Laboratorio, lo studente dovrà dimostrare la capacità di comunicare con i diversi attori della pianificazione territoriale, per favorire lo sviluppo di processi virtuosi di governance.
D5. Capacità di apprendimento: lo studente dovrà saper applicare quanto appreso ad un progetto integrato e multiscalare.

Prerequisiti 

Costituisce prerequisito l'aver frequentato i Laboratori propedeutici al Laboratorio di Progettazione Integrata, come da Regolamento del Corso di Studi.

Contenuti 

Il corso si articolerà in lezioni teoriche, seminari ed esercitazioni pratiche; queste ultime verranno condotte con l’aiuto di esperti invitati confrontarsi con studenti e docenti su vari temi, e costituiranno, insieme alle esercitazioni del modulo di Progettazione del paesaggio, la componente progettuale del Laboratorio di Progettazione Integrata della Città, del Territorio e del Paesaggio.
Le esercitazioni pratiche, delle quali si parlerà in dettaglio nel corso delle lezioni, avranno come tema il Comune di Gorizia e il territorio transfrontaliero del GECT (Gruppo europeo di cooperazione territoriale) isontino: un territorio caratterizzato da una pluralità di paesaggi insediati storici e contemporanei e da risorse storico culturali, ambientali e socioeconomiche differenziate, in merito alle quali saranno pertanto svolte specifiche lezioni e seminari di contenuto operativo, finalizzati allo svolgimento delle esercitazioni.
Le lezioni teoriche invece verranno dedicate ad alcune “parole chiave” per il progetto di territorio, che individuano temi rilevanti sia per il progetto, sia per lo studio di tecniche e strumenti:
• FUTURO: costruire scelte e decisioni, dagli scenari alle visions for future;
• TERRA: contenere il consumo di suolo e coltivarlo, per rigenerare il territorio;
• ACQUA: risorsa, a volte minaccia, trama fondativa del paesaggio
• ALBERI: boschi e foreste da difendere, verde urbano, architetture vegetali;
• PATRIMONIO: il valore dei luoghi, della cultura e della storia, tra conservazione e innovazione;
• ARTE: un motore per la rigenerazione dei territori e dei paesaggi “maturi”;
• COMUNE: paesaggi come “beni comuni”, appunti e proposte dall’attività degli osservatori di paesaggio.

Metodi didattici 

Il modulo di Progettazione del Territorio, come il Laboratorio di Progettazione Integrata, si articolerà in lezioni teoriche, seminari ed esercitazioni pratiche, coordinati con quelli degli altri insegnamenti. Le esercitazioni pratiche si svolgeranno in gruppi di al massimo 3 persone.
Per gli studenti Erasmus, che potranno frequentare solo parte del Laboratorio annuale, verrà predisposto un programma di lavoro personalizzato.

Le lezioni si terranno a Gorizia, presso la sede del Polo di via Alviano 18.

Programma esteso 

Per consultare il programma esteso ed aggiornato sulla base delle esigenze dimostrate dagli studenti durante il corso, si rinvia alla piattaforma e-learning Moodle.

Modalità di verifica dell'apprendimento 

Le diverse fasi di lavoro verranno scandite attraverso la predisposizione di consegne di esercitazioni intermedie, finalizzate a valutare il progredire del lavoro e al confronto in aula tra docenti e studenti sulle questioni via via affrontate.
L'esame si svolgerà mediante la presentazione degli elaborati grafici e scritti prodotti da ogni gruppo nel corso del Laboratorio e un contemporaneo colloquio individuale sui temi teorico-disciplinari attinenti al progetto, trattati nel corso delle lezioni ed approfonditi con la lettura di alcuni volumi della bibliografia generale e di quella suggerita di volta in volta a lezione.
La valutazione finale si baserà per 2/3 sul progetto e per 1/3 sulla preparazione teorica.

Altre informazioni 

Sulla piattaforma e-learning Moodle saranno resi disponibili, oltre al programma dei corso, ulteriori materiali da utilizzare per lo studio e l'approfondimento dei vari temi trattati: http://moodle2.units.it

Testi di riferimento 

T. Banini (a cura di), Identità territoriali. Questioni, metodi, esperienze a confronto, Franco Angeli, Milano 2013.
P. Barban, Storia della pianificazione nella Regione Friuli Venezia Giulia, Edicom Edizioni, Monfalcone 2005.
F. Di Lascio, F. Giglioni (a cura di), La rigenerazione di beni e spazi urbani, il Mulino 2017.
P. Donadieu, Scienze del paesaggio, tra teorie e pratiche, Edizioni ETS, Pisa 2014.
L. Gaeta, U. Janin Rivolin, L. Mazza, Governo del territorio e pianificazione spaziale, Città Studi, Novara 2013.
C. Gardi, N. Dall’Olio, S. Salata, L’insostenibile consumo di suolo, Edicom Edizioni, Monfalcone 2013.
J. Gehl, Cities for people, Washington, Island Press 2010.
A. Lanzani, V. Fedeli (a cura di), Il progetto di territorio e paesaggio, Franco Angeli, Milano 2004.
M. Manigrasso, L. Mastrolonardo (a cura di), A.R.M.I. Adattamento. Resilienza. Metabolismo. Intelligenza, Edicom Edizioni, Monfalcone 2014.
K. Pålsson, Public Spaces and Urbanity. How to Design Humane Cities, DOM Publishers Construction and Design Manual, Berlin 2018.
A. Poggio (a cura di), Green mobility: come cambiare la città e la vita, Ambiente, Milano 2018.
D. Poli (a cura di), Il progetto territorialista, numero monografico di “Contesti. Città, territori, progetti”, 2, 2010.
C. Ratti (con Mattew Claudel), La città di domani. Come le reti stanno cambiando il futuro urbano, Einaudi, Torino 2017.
S. Wilk, Drawing for Landscape Architects, DOM Publishers Construction and Design Manual, Berlin 2016.
F. Zagari, Questo è paesaggio. 48 definizioni, Mancosu editore, Roma 2006.

NB: altri riferimenti bibliografici saranno forniti durante le singole lezioni.


Torna all'elenco insegnamenti