Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

DISEGNO E RILIEVO DELL'ARCHITETTURA (067AR-3)

A.A. 2019 / 2020

Periodo 
Annualità singola
Crediti 
6
Durata 
48
Tipo attività formativa 
Base
Percorso 
[PDS0-2018 - Ord. 2018] comune
Syllabus 
Lingua insegnamento 

italiano

Obiettivi formativi 

Il corso si propone di fornire le seguenti competenze e capacità:
D1. Conoscenza e capacità di comprensione: al termine del corso gli studenti dovranno conoscere i metodi e le regole della scienza della rappresentazione relativi al disegno tradizionale d’architettura, e le procedure e I fondamenti teorici connessi al rilevamento architettonico diretto.
D2. Conoscenza e capacità di comprensione applicate: alla fine del corso gli studenti dovranno essere in grado di applicare le conoscenze acquisite al punto D1 nella descrizione grafica di un manufatto architettonico, appropriata per forma, dimensione e dettaglio alle finalità rappresentative di elaborati redatti secondo criteri e procedure di restituzione codificate.
D3. Autonomia di giudizio: al termine del corso gli studenti dovranno essere in grado di utilizzare criticamente metodi, processi e strumenti della rappresentazione tradizionale e del rilievo diretto in tutte le fasi inerenti il procedimento di produzione degli elaborati grafici di architettura.
D4. Abilità comunicative: al termine del corso gli studenti dovranno essere in grado di esporre ed applicare chiaramente i concetti, e i procedimenti acquisiti nei punti D1 e D2.
D5. Capacità di apprendimento: al termine del corso gli studenti dovranno essere in grado di approfondire in modo autonomo gli argomenti trattati nel corso.

Prerequisiti 

Non sono richiesti particolari prerequisiti tecnici, se non l'attitudine allo studio critico, alla concentrazione e precisione nel trattamento grafico e manuale degli elaborati.

Contenuti 

Nell’ambito del Laboratorio di composizione, teoria e rappresentazione dell’architettura, il modulo di Disegno e rilievo dell’architettura introduce lo studente all’uso dei metodi e degli strumenti che permettono di registrare tutte le informazioni atte a descrivere un progetto di architettura: pertanto, i relativi contenuti affrontano sia le regole geometriche e proiettive alla base della figurazione architettonica che i fondamenti teorici e le procedure di rilevamento architettonico diretto.
In particolare verranno affrontate le seguenti tematiche:
brevi cenni storici inerenti i metodi di rappresentazione, gli strumenti tradizionali per la figurazione su carta e le relative differenti caratteristiche tecniche;
le proiezioni mongiane e il disegno codificato: la pianta, il prospetto, la sezione; identificazione dei piani di sezione ideali come quadri orizzontali e verticali del modello architettonico; convenzioni proiettive elementari e configurazione del disegno sul foglio;
la simbologia grafica nel disegno di architettura e le norme tecniche;
teoria delle ombre applicate al metodo di Monge: costruzione di ombre autoportate nei prospetti e nei planivolumetrici;
il rilevamento architettonico: teoria della misura, strumenti e metodi per il rilevamento planimetrico e altimetrico; il rilevamento diretto: il rilievo delle misure e la restituzione grafica;
le proiezioni parallele e il disegno assonometrico, l’utilizzo dell’assonometria nella tradizione architettonica nelle varianti principali della proiezione obliqua e ortogonale: i casi particolari della proiezione cavaliera e militare;
le proiezioni centrali e la costruzione prospettica: l’osservatore nella scena e il riferimento nello spazio tridimensionale, i principali utilizzi in campo architettonico (prospettiva frontale e accidentale);
la rappresentazione attraverso disegni eterogenei; l’uso dello spaccato, l’esploso assonometrico e prospettico, la composizione grafica e il layout definitivo di una tavola tipo;
il modello fisico di architettura: costruzione e composizione di una maquette.

Metodi didattici 

Il modulo alterna lezioni frontali e attività di disegno grafico (nella forma degli ex-tempore), svolte in aula e a casa e sottoposte a verifica settimanale. Nelle attività didattico-integrative, propedeutiche e di recupero, gli studenti saranno affiancati da un tutor.

Programma esteso 
Modalità di verifica dell'apprendimento 

L’esame finale verterà sulla redazione di una serie di elaborati grafici a matita relativi ad un esercizio di rilievo e alla rappresentazione di un’opera architettonica scelta da una lista fornita dalla docenza, sulla valutazione di alcune tavole eseguite in aula nel corso delle lezioni, e sull’approfondimento teorico di alcuni temi trattati durante le lezioni.
In particolare verrà richiesta l’esecuzione di:
un elaborato relativo ad un esercizio di rilievo;
tre tavole, disegnate a matita su fogli in formato A1 (grammatura c.a 200 gr/mq), relative a proiezione mongiane, proiezioni parallele e proiezioni centrali dell’opera architettonica oggetto di indagine, alle quali si aggiungerà la realizzazione di un piccolo plastico che servirà a comprendere meglio la spazialità dell’architettura analizzata.
La valutazione finale si baserà per 1/3 sulla valutazione degli ex-tempore e per 2/3 sull’esito dell’esercitazione tematica e di rilievo e sulla preparazione teorica.

Altre informazioni 

Durante il corso verranno forniti ulteriori riferimenti e le modalità di contatto del docente.

Testi di riferimento 

M. Docci, D. Maestri, M. Gaiani, Scienza del Disegno, Città Studi, Milano 2017
M. Docci, D. Maestri, Manuale di rilevamento architettonico e urbano, Editori Laterza, Bari 2009
R. Migliari, La rappresentazione geometrica e informatica dell’architettura, Kappa, Roma 2000
R. Migliari, Geometria descrittiva. Vol.1: Metodi e costruzioni, CittàStudi, Torino 2009
AAVV, Teorie e metodi del disegno, CittàStudiEdizioni, Torino 1994


Torna all'elenco insegnamenti