Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

Descrizione del corso

L’energia elettrica è il fattore chiave dello sviluppo sostenibile. Le sfide dell’energia e della de-carbonizzazione dei processi produttivi, nonché dell'elettrificazione dei trasporti, pongono i sistemi elettrici e i sistemi digitali di controllo alla base di qualunque soluzione per superare le tecnologie inquinanti basate sulla combustione.
Tramite le lezioni, i seminari, le visite tecniche e gli stage in collaborazione con le migliori realtà produttive e della ricerca del settore, all'Università di Trieste si apprende come i sistemi elettrici e i sistemi digitali di controllo consentano l’impiego crescente delle fonti rinnovabili, convertendole in energia elettrica. La disponibilità continua e sicura dell’energia elettrica si ottiene grazie all’innovazione delle infrastrutture elettriche, che devono essere progettate (ingegneria dell’energia elettrica) e gestite (ingegneria dei sistemi di controllo) in modo efficiente, eco-compatibile e resiliente agli eventi atmosferici determinati dai cambiamenti climatici. L’uso più efficiente dell’energia e il miglioramento prestazionale dei processi è basato sulle tecnologie elettriche e automatiche, senza le quali non si potrebbe parlare di robotica, meccatronica, industria 4.0, smart cities, mobilità elettrica.

In Italia: gli ingegneri elettrici sono ad oggi gli specialisti con le più alte retribuzioni [fonte: Corriere della Sera, 9 luglio 2019].

SFIDE GLOBALI quali: -decarbonizzazione/cambiamenti climatici e resilienza; -energie rinnovabili; -mobilità elettrica; -smart cities si affrontano TUTTE grazie alle competenze dell’ingegneria dell’energia elettrica e dei sistemi.

Da più di sessant’anni gli studi della Laurea Magistrale in Ingegneria dell’Energia Elettrica e dei Sistemi dell’Università di Trieste garantiscono una formazione solida negli ambiti della produzione, trasmissione e utilizzazione dell’energia elettrica, rafforzata in modo specifico e lungimirante con la cultura della modellistica, dell’analisi, del digitale e delle strategie di governo dei sistemi complessi.

Studiare a Trieste offre un elevato rapporto docenti/studenti, al pari delle migliori università europee, e la qualità della vita (cultura, sport, natura) della città, al top in Italia. I laureati magistrali in ingegneria dell’energia elettrica e dei sistemi dell'Università di Trieste HANNO DA SUBITO il 100% di occupazione immediata, e IN SEGUITO - a coronamento dei percorsi professionali - SONO presenti in misura superiore alla media italiana nei ruoli dirigenziali dell’industria, della ricerca e della pubblica amministrazione.

L’Università e la Città di Trieste offrono: un elevato rapporto docenti/studenti; uno stretto legame tra didattica, ricerca e aziende; una logistica concentrata nel campus universitario; un'elevata qualità della vita.

Cosa si apprende all'Università di Trieste studiando Ingegneria dell'Energia Elettrica e dei Sistemi?

Grazie ad una faculty qualificata nel campo delle attività di ricerca si acquisisce un'ottima preparazione professionale da ingegnere, favorita anche da un'ampia gamma di collaborazioni tra corso di studi e il mondo del lavoro, in campi quali:

Gestione e Controllo dei Sistemi Elettrici
Sistemi elettrici per i trasporti
Progettazione di Macchine Elettriche
Materiali e Tecnologie elettriche
Sistemi dinamici e Teoria del controllo
Digital Transformation in Energy