Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

Obiettivi del corso

Il Corso di Laurea mira a fornire le conoscenze e competenze necessarie all'esercizio della professione così come disciplinato dal profilo dell'articolo 6, comma 3 del D.L.. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni ed integrazioni, ai sensi della legge 26 febbraio 1999, n. 42 e ai sensi della legge 10 agosto 2000, n. 251, nel rispetto del codice deontologico.
La professione del logopedista è riconosciuta e regolamentata dal D.M. 14 settembre 1994, n.742 e successive modificazioni ed integrazioni.  
Il logopedista è l'operatore sanitario che, in possesso della Laurea abilitante, svolge la propria attività nella prevenzione, valutazione e bilancio, cura e riabilitazione, nonché nell'educazione terapeutica delle patologie del linguaggio, della comunicazione e della deglutizione in età evolutiva, adulta e geriatrica.
I laureati in Logopedia, al termine del percorso triennale, devono:
- dimostrare conoscenze e capacità di comprensione in un campo di studi di livello post secondario, inclusa la conoscenza di alcuni temi di avanguardia;
- essere in grado di applicare le loro conoscenze e capacità di comprensione nell'approccio professionale, tali sia da poter ideare e sostenere argomentazioni che risolvere problemi;
- avere capacità di raccogliere e interpretare dati finalizzati a giudizi autonomi su temi scientifici, sociali, etici;
- possedere abilità comunicative idonee a trasmettere e condividere informazioni, idee, problemi e soluzioni a interlocutori specialisti e non;
- acquisire capacità di apprendimento propedeutiche a studi successivi con un alto grado di autonomia.
I laureati, in accordo con il codice deontologico approvato dalla FLI il 13/02/1999 e modificato in data 13/11/2012, saranno in grado di:
- attuare un bilancio logopedico dei disordini del linguaggio, della deglutizione e della comunicazione avvalendosi di specifici strumenti e procedure di valutazione nelle diverse età della vita;
- collaborare con responsabilità decisionale alla stesura e alla realizzazione del progetto integrato di trattamento;
- pianificare e realizzare interventi logopedici con responsabilità decisionale per raggiungere gli obiettivi terapeutici;
- gestire con responsabilità professionale i processi educativi, rieducativi, abilitativi e riabilitativi nel rispetto delle differenze culturali, linguistiche, etniche, generazionali e di genere;
- individuare ed utilizzare gli ausili più idonei ed efficaci per il recupero e la riduzione della disabilità;
- valutare in autonomia il fabbisogno educativo in specifici ambiti e realizzare interventi educativi in ambito logopedico;
- promuovere e realizzare interventi di prevenzione, utilizzando strumenti di screening per l'individuazione precoce delle alterazioni cognitive, comunicativo-linguistiche e funzionali e il riconoscimento dei fattori di rischio in età evolutiva, adulta e geriatrica;
- identificare e promuovere in autonomia l'acquisizione di comportamenti idonei e strategie di compenso in grado di modificare o ridurre la disabilità in età evolutiva, adulta e geriatrica;
- utilizzare il colloquio nella clinica logopedica come strumento di acquisizione ed interpretazione di dati utili per la conoscenza delle caratteristiche comunicative linguistiche nelle diverse età e come strategia di coinvolgimento dell' utente ed i suoi caregivers;
- applicare metodologie di analisi ed interpretazione dei bisogni di salute attraverso procedure di osservazione per assumere informazioni quanti-qualitative soggettive e oggettive, in età evolutiva, adulta e geriatrica;
- documentare sulla cartella logopedica il piano di trattamento nel rispetto anche dei principi legali etici e deontologici;
- attivare e gestire una relazione di aiuto e terapeutica con l'utente, la sua famiglia e le persone significative;
- utilizzare strumenti di integrazione professionale con responsabilità decisionale (riunioni, incontri di team, discussione di casi, audit);
- lavorare in modo integrato nell'equipe rispettando i rispettivi ambiti di competenza;
- implementare attività di team Building;
- adottare le precauzioni per prevenire i rischi nei luoghi di lavoro;
- fornire attività di consulenza per gli specifici ambiti di competenza, su prodotti tecnologici e su aspetti giuridici;
- gestire e monitorare in autonomia la propria attività professionale.