Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

SOCIOLOGIA DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (574SP)

A.A. 2019 / 2020

Docenti 
Periodo 
Secondo semestre
Crediti 
9
Durata 
60
Tipo attività formativa 
Caratterizzante
Percorso 
[PDS0-2018 - Ord. 2018] comune
Syllabus 
Lingua insegnamento 

Italiano.

Obiettivi formativi 

Il corso si propone di fornire agli studenti le seguenti competenze: comprendere i molteplici aspetti della nuova società globale (modernizzazione, cambiamenti climatici, flussi migratori, sviluppo sostenibile, disparità di genere, turismo etico, ecc.), individuare e interpretare la presenza di confini e la loro rilevanza (Conoscenza e capacità di comprensione); elaborare scenari e strategie di sviluppo per le popolazioni che vivono in aree frontaliere (Conoscenza e capacità di comprensione applicate); impegnarsi in riflessioni proprie sui temi dello sviluppo locale, delle relazioni transfrontaliere ed interetniche (Autonomia di giudizio); discutere problematiche attinenti al corso dimostrando accuratezza concettuale e precisione linguistica (Abilità comunicative); essere in grado di reperire e consultare le fonti primarie, secondarie, statistiche, ecc. e sapere utilizzare il web per sviluppare una ricerca autonoma su argomenti specifici (Capacità di apprendere).

Prerequisiti 

Non è richiesto alcun prerequisito specifico.

Contenuti 

Il corso esplora i processi di mutamento sociale che si creano tra stati, organizzazioni e individui che vivono e operano lungo le aree di confine e che si proiettano in una dimensione transfrontaliera e transnazionale. Pensare, segnalare e poi tracciare confini diventa una forma di comunicazione verso e con gli altri che istituzionalizza differenze reali o presunte e lo strumento per circoscrivere il proprio spazio d’azione e il senso di appartenenza. Il confine e la frontiera diventano così le variabili per affrontare uno studio delle relazioni internazionali che partono dal basso: dalla gente e dalle sue modalità associative ma anche dai meccanismi che questa attua per affrontare le sfide della modernità, della globalizzazione, dello sviluppo e del benessere socio-economico. Attraverso un approccio cosiddetto ecologico, sistemico e globale, il corso affronterà i temi della modernizzazione e globalizzazione, del potere e della diseguaglianze di genere, dei cambiamenti climatici e delle questioni ambientali, dei movimenti migratori, dello sviluppo locale e della cooperazione internazionale e transfrontaliera, del turismo internazionale, responsabile, sostenibile, etico e pro-poor.

Metodi didattici 

Lezioni frontali con supporto multimediale, quiz, partecipazione di esperti esterni e attività di ricerca individuali e di gruppo.

Modalità di verifica dell'apprendimento 

Esame scritto sui testi di riferimento indicati. Il test, della durata di 45-60 minuti, è costituito da 5 domande chiuse (2 punti per ogni risposta esatta) e 5 (per frequentanti) o 7 (per non frequentanti) domande aperte (0-3 punti per ogni risposta). L'elaborato di gruppo (per studenti frequentanti) vale 0-5 punti. Un bonus di 1 punto è attribuito a chi ha frequentato almeno 10/20 (50%) lezioni e di 2 punti a chi ne ha frequentate almeno 15/20 (75%).

Altre informazioni 

Solo per gli studenti frequentanti, materiali di studio e di ricerca saranno disponibili sulla piattaforma Moodle (http://moodle2.units.it). La chiave di accesso sarà disponibile ad inizio corso.

Testi di riferimento 

Per gli studenti frequentanti (minimo 10/20 lezioni):
- Materiali di studio e di ricerca on line.
- Elaborato individuale e di gruppo su un tema concordato con il docente.
Per gli studenti non frequentanti:
- Giordana Emanuele (2018), Sconfinate. Terre di confine, storie di frontiera, Rosenberg & Seller, Torino.
- Touraine Alain (2019), In difesa della modernità, Raffaello Cortina, Milano.
.


Torna all'elenco insegnamenti