Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

TEORIA GENERALE DEL DIRITTO (050SP)

A.A. 2019 / 2020

Periodo 
Primo semestre
Crediti 
9
Durata 
60
Tipo attività formativa 
A scelta dello studente
Percorso 
[PDS0-2014 - Ord. 2014] comune
Mutuazione 
Mutuato: SP02 - 050SP - TEORIA GENERALE DEL DIRITTO
Syllabus 
Lingua insegnamento 

ITALIANO

Obiettivi formativi 

1) Conoscenze e capacità di comprensione:
Gli studenti conosceranno i concetti di base e le principali teorie della materia.

2) Conoscenza e capacità di comprensione applicativa:
Gli studenti saranno in grado di capire e comprendere i nuovi sviluppi del rapporto tra individuo, società e diritto.

3) Autonomia di giudizio:
Lo studente maturerà una conoscenza critica della concezione positivistica del diritto.

4) Abilità comunicativa:
Gli studenti saranno in grado di argomentare con linguaggio appropriato le conoscenze acquisite in materia.

5) Capacità di apprendere:
Gli studenti impareranno come condurre una ricerca originale, consultare le fonti e la letteratura secondaria, per andare alle radici del problema del rapporto tra stato, diritto e persona.

Prerequisiti 

Nessuno

Contenuti 

Il corso tematizza il principio di sussidiarietà individuando in esso una chiave di lettura dell'esperienza giuridica.

Sarà strutturato in due parti:

Nella prima parte ci sarà un inquadramento generale sulla scienza giuridica moderna che riduce il diritto alla legge, intesa come espressione della volontà sovrana. In particolare ci si soffermerà su autori come Hobbes, Locke, Rousseau e Kelsen, quali figure esemplari di questa prospettiva. Verranno quindi evidenziati gli aspetti critici di questo approccio al diritto e allo stato.

Nella seconda parte verrà tematizzato il principio della sussidiarietà istituzionale quale criterio euristico dell'evoluzione dell'esperienza giuridica. In particolare verranno considerate le tematiche riguardanti le libertà economiche, il contratto e il mercato. Inoltre analizzeremo i rapporti tra cittadini e pubblica amministrazione che, a partire dalla Legge 241/1990 e successive modifiche, hanno subito una rivoluzione, il cittadino infatti è diventato da amministrato a co-amministrante e il soggetto pubblico da monopolizzatore della funzione amministrativa a soggetto sussidiario.
Infine il principio di sussidiarietà sarà visto all'opera nei confronti della nuova lex mercatoria, elaborata dagli agenti economici nell'età della globalizzazione, nei cui confronti Unidroit esercita una funzione sussidiaria emendando e integrando le prassi commerciali qualora risultino inefficienti, ovvero lesive del bene comune. Metteremo inoltre in evidenza come il problema ambientale sia passato da un approccio statalistico, esemplificato dal protocollo di Kyoto, a una concezione che fa leva sulle buone pratiche sociali sussidiate dall'intervento istituzionale.

Metodi didattici 

Lezioni frontali e dibattiti sulle tematiche affrontate.

Programma esteso 
Modalità di verifica dell'apprendimento 

Per i frequentanti l’esame verterà sulle lezioni e sui materiali indicati dal docente durante le lezioni.

Per i non frequentanti l'esame verterà sui testi indicati.

Altre informazioni 
Testi di riferimento 

L. Franzese, Percorsi della sussidiarietà, CEDAM, Padova, ult. ed.

F. Gentile, Ordinamento giuridico tra virtualità e realtà, CEDAM, ult. ed. soltanto da pp. 1-67.


Torna all'elenco insegnamenti