Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

STORIA DELLA VENEZIA GIULIA (045SP)

A.A. 2019 / 2020

Docenti 
Periodo 
Secondo semestre
Crediti 
6
Durata 
60
Tipo attività formativa 
A scelta dello studente
Percorso 
[PDS0-2014 - Ord. 2014] comune
Mutuazione 
Mutuato: SP02 - 045SP - STORIA DELLA VENEZIA GIULIA
Syllabus 
Lingua insegnamento 

ITALIANO

Obiettivi formativi 

Obiettivi generali del corso sono:

-Sul piano dei contenuti, porre lo studente nelle condizioni di orientarsi nella storia dell'area alto-adriatica ed in particolare fornirgli gli strumenti essenziali per analizzare criticamente il problema dei conflitti nazionali nei territori asburgici e post-asburgici, partendo dall'approfondimento del caso di studio costituito dall'area alto-adriatica.

- Sul piano metodologico, introdurre lo studente ai procedimenti tipici della ricerca storica

Più specificatamente, a fine corso lo studente dovrà:

CONOSCENZA E CAPACITA’ DI COMPRENSIONE
Possedere una conoscenza di base della storia della frontiera adriatica, con particolare riferimento al XIX e XX secolo.

CONOSCENZA E CAPACITA’ DI COMPRENSIONE APPLICATE
Essere in grado di analizzare diverse tipologie di fonti (archivistiche, orali, a stampa ed iconografiche) con l’ausilio del docente. Confrontare ipotesi storiografiche diverse tratte dalla letteratura specialistica.

CAPACITA’ DI APPRENDERE
Saper condurre brevi ricerche guidate sulla scorta di bibliografia e fonti.

ABILITA’ COMUNICATIVE
Saper esporre i contenuti appresi secondo diverse tipologie comunicative: esposizione orale, brevi relazioni scritte individuali e di gruppo, produzione di schede sintetiche e commenti a fonti.

AUTONOMIA DI GIUDIZIO
Lo studente verrà incoraggiato ad esprimere valutazioni personali su questioni poste dal docente o di propria iniziativa, sempre sulla scorta di riferimenti puntuali alle fonti ed alla bibliografia. Inoltre, sarà capace di considerare in maniera critica alcuni esempi di giudizi storici formulati da non specialisti su argomenti considerati nel corso, in particolare sul web e nel corso di interventi di Public History.
dall'approfondimento del caso di studio costituito dall'area alto-adriatica

Prerequisiti 

Conoscenza di massima della storia europea, come da preparazione della scuola media superiore
Conoscenza generale della storia contemporanea europea, come da preparazione dell'esame di storia contemporanea del primo anno

Contenuti 

Il programma prevede due moduli.

Nel primo modulo verrà presentata una panoramica generale della storia giuliana e delle sue connessioni con i diversi contesti nei quali le aree nord-adriatiche si sono trovate inserite nel corso dei secoli.

Nel secondo modulo verrà approfondito il tema dei conflitti nazionali fra Ottocento e Novecento, partendo dalla dimensione regionale per affrontare alcune tematiche comuni a tutta l’area centro-europea.

Metodi didattici 

Lezioni frontali integrate da analisi di documentazione scritta (fonti archivistiche e della memoria) e iconografica
A seconda della numerosità e disponibilità degli studenti, esercitazioni individuali e di gruppo
A seconda della disponibilità degli studenti, uscite didattiche giornaliere sul territorio (Trieste, Carso, valli dell'Isonzo e del Vipacco, Istria)

Modalità di verifica dell'apprendimento 

L’esame finale consisterà in una prova orale su tutto il programma. L'obiettivo è quello di verificare l'adeguatezza delle conoscenze acquisite, di valutare le capacità di analisi critica degli studenti, di discutere i principali argomenti affrontati nel corso, nonché di saggiare l'attitudine degli studenti a comunicare quanto appreso strutturando in maniera coerente la loro esposizione. L'esame ha una durata media di 20 minuti.
Nell'esame confluirà anche la valutazione di eventuali esercitazioni individuali o di gruppo.

Altre informazioni 

Saranno fornite ad hoc dal docente

Testi di riferimento 

1. Franco Cecotti, Raoul Pupo (a cura di), Il confine orientale. Una storia rimossa, in “I viaggi di Erodoto”, 1998, n. 34, pp. 88-157.
2. Egidio Ivetic, Un confine nel Mediterraneo. L'Adriatico orientale tra Italia e Slavia (1300-1900), Viella , Roma 2014, oppure : Ernesto Sestan, Venezia Giulia. Lineamenti di una storia etnica e culturale e il contesto storico-politico in cui si colloca l’opera, a cura di G. Cervani, Del Bianco, Udine 1997.

Inoltre, a scelta, una fra le seguenti opere:
1. Elio Apih, Trieste, Laterza, Bari 1988, pp. 7-205.
2. Marina Cattaruzza, L’Italia e il confine orientale d’Italia, Il Mulino, Bologna 2007.
3. Raoul Pupo, Il lungo esodo, Rizzoli, Milano 2005.
4. INSMLI (a cura di), Dall’Impero austro-ungarico alle foibe, Bollati Boringhieri, Torino 2009.
5. Raoul Pupo, Trieste '45, Laterza, Roma - Bari 2010.
6. Raoul Pupo, Fiume città di passione, Laterza, Roma-Bari 2018
Si consiglia infine di prendere visione dei seguenti materiali multimediali, scaricabili gratuitamente dal sito www.irsml.eu :
Il Confine più lungo. Affermazione e crisi dell'italianità adriatica, a c. di Raoul Pupo, Fabio Todero, Fulvia Benolich; Un percorso tra i luoghi della tolleranza e dell’inclusione della Provincia di Trieste, a c. di Gianna Paolin e Raoul Pupo; Un percorso tra le violenze del Novecento nella Provincia di Trieste, a c. di Raoul Pupo e Roberto Spazzali; Un percorso fra i luoghi dell' irredentismo e della grande guerra, a c. di Fabio Todero.
Infine, per la cartografia storica si consiglia di utilizzare Il confine orientale italiano, 1797-2007. Cartografia, documenti, immagini, demografia, a c. di Franco Cecotti e Bruno Pizzamei, scaricabile anch'esso dal sito www.irsml.eu


Torna all'elenco insegnamenti