Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

STORIA ECONOMICA DELL'EUROPA (009SP)

A.A. 2019 / 2020

Periodo 
Primo semestre
Crediti 
6
Durata 
40
Tipo attività formativa 
Caratterizzante
Percorso 
[PDS0-2014 - Ord. 2014] comune
Syllabus 
Lingua insegnamento 

ITALIANO

Obiettivi formativi 

Conoscenza e capacità di comprensione
Conoscere le strutture di fondo dell'economia europea e delle principali tappe dello sviluppo economico europeo e comprendere il percorso dell’integrazione economica europea

Capacità di applicare conoscenza e comprensione
- Elaborare autonomi strumenti cognitivi capaci di permettere l'analisi del sistema economico europeo e della sua evoluzione in forma comparativa con la situazione contemporanea
Autonomia di giudizio
capacità di critica nel valutare i processi concernenti le dinamiche economiche europee anche nel quadro della crisi globale.

Abilità comunicative
Esporre le tematiche affrontate; costruire ed esporre relazioni per il pubblico; difendere i propri punti di vita in un contraddittorio; attrarre consenso per le proprie tesi.

Capacità di apprendimento
Assumere gli strumenti fondamentali del metodo storico quale modo di conoscenza dei sistemi sociali

Prerequisiti 

Consigliata la frequenza al corso di Storia economica

Contenuti 

Tra due crisi. La costruzione dello spazio economico europeo nel contesto delle strutture e congiunture economiche internazionali e della crisi globale (1920- 2018)
- Costruzione della specificità del modello economico europeo e comparazione con le altre aree del mondo: sistema agricolo, sistema demografico, modello tecnologico, supremazia europea sui mari e sui traffici commerciali, avvio dell'occupazione dello spazio ecc.
- Dinamiche dell'economia europea tra medioevo ed età moderna; la crisi del '600; modelli interpretativi di tale dinamiche
- Modernizzazione e industrializzazione; spostamento del centro dell'economia europea, rivoluzione industriale; avvio dell'occupazione dello spazio terrestre
- Rivoluzione industriale inglese e industrializzazione europea; rapporti tra l'Europa e il mondo; il modello europeo di sviluppo e l'America del nord; la teoria dei fattori sostitutivi
- Fordismo e taylorismo; modi dello sviluppo delle varie parti d'Europa; modello continentale e modello americano (stato versus mercato?); l'operaio massa; verso la prima guerra mondiale
- Tra le due guerre; debiti di guerra e Germania; la crisi del '29; Keynes e i mercati internazionali; stato e economia; l'industrializzazione di guerra
- La ricostruzione europea; Bretton Wood e il sistema monetario internazionale; traffici internazionali e l'avvio dei processi di integrazione europea; la nascita della Comunità europea; il dollaro
- La crisi del dollaro e la smaterializzazione delle monete; la crisi petrolifera e la nascita di uno spazio monetario europeo; verso l'euro; l'annunciarsi della limitazione delle risorse
- Europa e globalizzazione; Euro e dollaro; l'affermarsi di nuovi competitors e la modificazione delle gerarchie spaziali;
- Europa e crisi sistemica; la Grecia banco di prova della comunità; euro e sistema monetario internazionale

Metodi didattici 

Lezione frontale. La lezione, però, mira al diretto coinvolgimento degli studenti in una costante e formativa attività di relazione volta alla elaborazione di strumenti cognitivi e non solo alla trasmissioni di saperi.

Programma esteso 

Costruzione della specificità del modello economico europeo e comparazione con le altre aree del mondo: sistema agricolo, sistema demografico, modello tecnologico, supremazia europea sui mari e sui traffici commerciali, avvio dell'occupazione dello spazio ecc.
- Dinamiche dell'economia europea tra medioevo ed età moderna; la crisi del '600; modelli interpretativi di tale dinamiche
- Modernizzazione e industrializzazione; spostamento del centro dell'economia europea, rivoluzione industriale; avvio dell'occupazione dello spazio terrestre
- Rivoluzione industriale inglese e industrializzazione europea; rapporti tra l'Europa e il mondo; il modello europeo di sviluppo e l'America del nord; la teoria dei fattori sostitutivi
- Fordismo e taylorismo; modi dello sviluppo delle varie parti d'Europa; modello continentale e modello americano (stato versus mercato?); l'operaio massa; verso la prima guerra mondiale
- Tra le due guerre; debiti di guerra e Germania; la crisi del '29; Keynes e i mercati internazionali; stato e economia; l'industrializzazione di guerra
- La ricostruzione europea; Bretton Wood e il sistema monetario internazionale; traffici internazionali e l'avvio dei processi di integrazione europea; la nascita della Comunità europea; il dollaro
- La crisi del dollaro e la smaterializzazione delle monete; la crisi petrolifera e la nascita di uno spazio monetario europeo; verso l'euro; l'annunciarsi della limitazione delle risorse
- Europa e globalizzazione; Euro e dollaro; l'affermarsi di nuovi competitors e la modificazione delle gerarchie spaziali;
- Europa e crisi sistemica; la Grecia banco di prova della comunità; euro e sistema monetario internazionale

Modalità di verifica dell'apprendimento 

Per frequentanti e non frequentanti prova orale volta ad accertare il possesso delle competenze, il raggiungimento degli obiettivi cognitivi e delle conoscenze disciplinari previste. Saranno formulate alcune domande su tutte le parti oggetto del programma con riferimenti ai testi consigliati.
Per i frequentati saranno attuate anche attività di verifica durante il corso ed è prevista la possibilità di presentare un approfondimento su uno degli assi tematici del corso.
Per frequentanti e non frequentanti, per raggiungere la soglia della sufficienza lo studente deve dimostrare conoscenza e comprensione degli argomenti almeno nelle linee generali e un accettabile raggiungimento degli obiettivi cognitivi. Inoltre deve e possedere capacità argomentative tali da consentire la trasmissione delle sue conoscenze.
30-30 e lode: ottima conoscenza degli argomenti; ottima padronanza di linguaggio ed eccellente capacità analitica.
26-29: buona padronanza degli argomenti, buon raggiungimento degli obiettivi cognitivi r piena proprietà di linguaggio
24 – 25: discreta conoscenza di base dei principali argomenti, discreta proprietà di linguaggio e discreto raggiungimento degli obiettivi cognitivi
21-23: conoscenze soddisfacente dei principali argomenti e soddisfacente proprietà di linguaggio
10 – 20: minima conoscenza di base degli argomenti e minima capacità di linguaggio

Altre informazioni 

Si richiede una frequenza attiva, critica e partecipativa

Testi di riferimento 

Per i non frequentanti e i frequentanti:
Francesca Fauri, L’integrazione economica europea, Il Mulino 2006

Più uno a scelta tra i seguenti libri:
Luciano Gallino, Finanzcapitalismo, Einaudi 2011
Massimo Amato, Luca Fantacci, Fine della finanza. Da dove viene la crisi e come si può pensare di uscirne, Donzelli 2009
Joseph E. Stiglitz, Bancarotta. L'economia globale in caduta libera, Einaudi 2010

A integrazione e/o sostituzione di queste, per i frequentanti ulteriori letture possono essere indicate durante il corso in accordo con gli studenti e anche all’interno di specifici percorsi


Torna all'elenco insegnamenti