Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

STORIA CONTEMPORANEA (516SP)

A.A. 2021 / 2022

Docenti 
Periodo 
Primo semestre
Crediti 
9
Durata 
60
Tipo attività formativa 
Base
Percorso 
[PDS0-2014 - Ord. 2014] comune
Syllabus 
Lingua insegnamento 

ITALIANO

Obiettivi formativi 

Consolidare le conoscenze acquisite alle scuole superiori e mostrare le connessioni e le reciproche influenze di fatti anche geograficamente e cronologicamente distanti fra loro. Mettere gli studenti nella condizione di sapersi orientare con sicurezza all’interno delle aree tematiche affrontate, fornendo loro sia strumenti metodologici sia le competenze necessarie per inquadrare correttamente ed interpretare i fatti storici indagati. L’approccio utilizzato durante le lezioni e i collegamenti passato-presente che saranno proposti si prefiggono l’obiettivo di mostrare le modalità di analisi comparativa, nonché le possibilità di trarre insegnamento dal passato. Il docente si preoccuperà anche di portare a conoscenza degli studenti l’esistenza di più scuole storiografiche con diverse impostazioni e finalità, sia di metodi che di contenuto, al fine di non alimentare adesioni fideistiche a interpretazioni che sono sempre soggettive, o non cedere al dogmatismo.

Prerequisiti 

Buona conoscenza del manuale

Contenuti 

Il corso mira a favorire la capacità di collegare fra loro i fatti storici studiati rilevandone le reciproche interazioni e l’abilità a fornire una personale interpretazione. Lo studio della storia contemporanea partirà proprio dalla delimitazione concettuale della disciplina, in modo da rendere da subito partecipi gli studenti circa le interazioni passato- presente, in modo che già durante le lezioni possano partecipare consapevolmente al compito che sarà svolto collettivamente di decifrare il presente con l’ausilio delle conoscenze progressivamente acquisite. Durante le lezioni sarà offerta agli studenti una riflessione originale che in relazione agli snodi fondamentali della storia compresa nell’arco cronologico 1848-2003, superi le ricostruzioni più tradizionali fornendo chiavi di lettura diverse ma fondate. Il corso si articolerà in modo da enucleare i momenti più significativi dell’Ottocento soffermandosi però prevalentemente sul Novecento, con una impostazione internazionalistica. Per non eludere gli snodi essenziali del Ventesimo secolo, quantitativamente assai rilevanti, si offriranno agli studenti incontri supplementari nella forma del seminario. Con ciò si intende facilitare l’approccio e la familiarizzazione con un corso di studi che privilegia la dimensione internazionale, probabilmente futuro contesto lavorativo di quanti scelgono il nostro corso. Il corso si prefigge anche l’obiettivo di fornire agli studenti alcune nozioni fondamentali relative alle questioni di più spiccata attualità, storicizzandole così da rendere maggiormente comprensibili eventi appartenenti alla cronaca più che alla storia, la cui comprensione non superficiale né meramente fattuale è determinante per chiunque voglia capire l’oggi, sempre collegato e reciprocamente condizionantesi con il passato.

Metodi didattici 

Lezioni frontali con l'ausilio di filmati, immagini, carte geografiche

Programma esteso 

Il corso mira a favorire la capacità di collegare fra loro i fatti storici studiati rilevandone le reciproche interazioni e l’abilità a fornire una personale interpretazione. Lo studio della storia contemporanea partirà proprio dalla delimitazione concettuale della disciplina, in modo da rendere da subito partecipi gli studenti circa le interazioni passato- presente, in modo che già durante le lezioni possano partecipare consapevolmente al compito che sarà svolto collettivamente di decifrare il presente con l’ausilio delle conoscenze progressivamente acquisite. Durante le lezioni sarà offerta agli studenti una riflessione originale che in relazione agli snodi fondamentali della storia compresa nell’arco cronologico 1848-2003, superi le ricostruzioni più tradizionali fornendo chiavi di lettura diverse ma fondate. Il corso si articolerà in modo da enucleare i momenti più significativi dell’Ottocento soffermandosi però prevalentemente sul Novecento, con una impostazione internazionalistica. Per non eludere gli snodi essenziali del Ventesimo secolo, quantitativamente assai rilevanti, si offriranno agli studenti incontri supplementari nella forma del seminario. Con ciò si intende facilitare l’approccio e la familiarizzazione con un corso di studi che privilegia la dimensione internazionale, probabilmente futuro contesto lavorativo di quanti scelgono il nostro corso. Il corso si prefigge anche l’obiettivo di fornire agli studenti alcune nozioni fondamentali relative alle questioni di più spiccata attualità, storicizzandole così da rendere maggiormente comprensibili eventi appartenenti alla cronaca più che alla storia, la cui comprensione non superficiale né meramente fattuale è determinante per chiunque voglia capire l’oggi, sempre collegato e reciprocamente condizionantesi con il passato.

Modalità di verifica dell'apprendimento 

esame orale
Lo studente sarà valutato nel corso di una prova orale la cui durata varia dai 30 ai 50 minuti circa. Nel caso siano fornite risposte precise, l’esposizione sia sicura, circostanziata e con linguaggio appropriato, la durata non eccederà i 30 minuti. Nel caso contrario, di fronte a risposte imprecise, silenzi, si cercherà di dare modo allo studente di riprendersi, recuperare e superare la prova.
L’esame è diviso in due parti: la prima si svolgerà con domande sul manuale, una sull’Ottocento ed una sul Novecento, quindi si passerà alla parte monografica. L’esposizione degli argomenti del manuale sarà valutata tenendo conto della capacità dello studente di delimitare subito il perimetro cronologico, storico-politico ed il contesto internazionale dei fatti su cui è chiamato a riflettere e rispondere. Inoltre egli dovrà dare contro di essere in grado di non fermarsi ai meri fatti ma rintracciarne le origini, le premesse e le conseguenze inserendoli nel contesto che gli è proprio. Se la resa sulla parte monografica è omogenea a quella dimostrata esponendo il manuale, verrà confermato il voto (annotato come ipotesi di voto dal docente e non comunicato allo studente); diversamente si farà una media non meramente aritmetica tenendo presente che la votazione di 30/30 è attribuita in presenza di una esposizione precisa, brillante, in cui lo studente non si limiti al manuale ma riesca a collegarsi ai testi monografici facendo “dialogare” fra loro i temi su cui è chiamato a rispondere tenendo conto non solo della bibliografia assegnata, ma anche delle lezioni che normalmente sono organizzate come approfondimenti e riflessioni circa la complessità dei fatti storici su cui gli studenti saranno chiamati ad esprimersi. Una buona esposizione in cui tali elementi siano presenti ma non con la stessa modalità e talvolta si registrino persino delle lievi imprecisioni sarà valutata con un voto che oscillerà da 26/30 a 29/30. Una buona prova in cui lo studente dimostri di aver studiato ma non essere in grado di staccarsi dal manuale, non saper inserire in un contesto proprio i fatti su cui fornisce risposte, rimanere attaccato a interpretazioni superate senza riuscire a fornire un quadro d’insieme completo in cui gli risulti chiaro che alcuni fatti storici non sono comprensibili e nemmeno si sarebbero verificati se non fossero intervenuti altri fatti a quelli collegati, sarà valutato con un punteggio fra 22/30 e 25/30. La votazione da 18/30 a 21/30 sarà attribuita a coloro che nella esposizione presentano lacune, usano un linguaggio non consono con la formazione universitaria, non hanno chiara né la diacronia dei fatti narrati né la loro importanza. Coloro che invece daranno prova di non aver completato il programma, eludono e tacciono di fronte alle domande poste, ovvero mostrano una evidente confusione saranno invitati a ripresentarsi dopo aver tenuto uno o più incontri con il docente per chiarimenti, suggerimenti, consigli.

Altre informazioni 

Eventuali cambiamenti alle modalità qui descritte, che si rendessero necessari per garantire l'applicazione dei protocolli di sicurezza legati all'emergenza COVID19, saranno comunicati nel sito web di Dipartimento, del Corso di Studio e dell'insegnamento

Testi di riferimento 

1.Un buon manuale che copra il periodo 1848 fino al 2000. SI suggerisce il Sabbatucci – Vidotto, Il mondo contemporaneo dal 1848 a oggi, Laterza
Gli altri libri di testo saranno comunicati durante la prima lezione. Questo lasso di tempo è necessario per aspettare le nuove uscite e consultare i volumi da adottare


Torna all'elenco insegnamenti