Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

GEOLOGIA STRATIGRAFICA E SEDIMENTOLOGIA (201SM)

A.A. 2020 / 2021

Periodo 
Primo semestre
Crediti 
9
Durata 
84
Tipo attività formativa 
Caratterizzante
Percorso 
[PDS0-2012 - Ord. 2012] comune
Syllabus 
Lingua insegnamento 

Italiano

Obiettivi formativi 

Alla fine del corso ed in sede di esame gli studenti dovranno essere in grado di effettuare una analisi granulometrica su sedimenti incoerenti ed elaborare preliminarmente il dato; riconoscere e classificare al microscopio una roccia carbonatica, avere nozioni di base sui meccanismi di trasporto e tipi di deposito; riconoscere le principali strutture sedimentarie; avere conoscenza della geologia regionale. Lo studente avrà acquisito abilità per comprendere al meglio la distribuzione spazio-temporale delle successioni sedimentarie e delle formazioni rocciose, elemento fondamentale per il corso di Rilevamento Geologico.

Prerequisiti 

Avere conoscenze di base di geologia e paleontologia

Contenuti 

Modulo SEDIMENTOLOGIA (4 CFU – docente Giorgio Fontolan)
• Proprietà tessiturali dei sedimenti.
Introduzione. Granulometria, classificazioni, forma (rotondità, sfericità), porosità, permeabilità
Esercitazione su dati granulometrici.
• Meccanica dei fluidi: erosione, trasporto e deposizione dei sedimenti
Flussi unidirezionali, flussi gravitativi, modalità di trasporto
• Strutture sedimentarie
Bedforms e stratificazione da flussi unidirezionali e da flussi oscillatori
Altre tipologie di strutture sedimentarie (chimiche, deformative, da carico)
• Sedimentazione carbonatica con esercitazioni
Caratteristiche, classificazioni, porosità primaria e secondaria, diagenesi delle rocce carbonatiche
Esercitazioni al microscopio
• Ambienti sedimentari
Esempi di ambienti sedimentari continentali (fluviale, glaciale, eolico, lacustre) e marini (costiero e profondo), con relative facies e palinsesti deposizionali

Modulo GEOLOGIA STRATIGRAFICA (5 CFU – docente Carlo Corradini)
• Introduzione alla stratigrafia.
Cenni storici. Definizioni. I principi di Stenone. Discontinuità. Concetto di successione faunistica. Datazioni relative e la costruzione della scala del tempo geologico.
La “International Commission on Stratigraphy”: funzioni e metodi
• Principi di classificazione stratigrafica
Il Codice Internazionale di Stratigrafia. Categorie stratigrafiche e procedure; stratotipi.
Unità litostratigrafiche, biostratigrafiche, cronostratigrafiche e geocronologiche.
Metodi geocronologici e datazioni.
Cenni di Magnetostratigrafia: Paleomagnetismo, applicazioni della metodologia, esempi.
Chemostratigrafia: Cenni di geochimica degli isotopi stabili (O, C e Corg, S e Sr), frazionamento e δ notation. Stratigrafia isotopica: significato e applicazioni.
• Stratigrafia quantitativa
il metodo delle Correlazioni grafiche. Esempi ed esercizi.
• Stratigrafia sequenziale (cenni).
Introduzione alla stratigrafia sequenziale. Oscillazioni assolute e relative del livello del mare, trasgressioni e regressioni. La Sequenza Deposizionale (definizione). Limiti di sequenza, superfici di trasgressione, regressione, di massimo annegamento e loro significato dinamico

Metodi didattici 

Lezioni frontali ed esercitazioni; escursioni sul terreno.

Programma esteso 

Modulo SEDIMENTOLOGIA (4 CFU – docente Giorgio Fontolan )
• Proprietà tessiturali dei sedimenti.
Introduzione. Granulometria, classificazioni, forma (rotondità, sfericità), porosità, permeabilità
Esercitazione su dati granulometrici.
• Meccanica dei fluidi: erosione, trasporto e deposizione dei sedimenti
Flussi unidirezionali, flussi gravitativi, modalità di trasporto
• Strutture sedimentarie
Bedforms e stratificazione da flussi unidirezionali e da flussi oscillatori
Altre tipologie di strutture sedimentarie (chimiche, deformative, da carico)
• Sedimentazione carbonatica con esercitazioni
Caratteristiche, classificazioni, porosità primaria e secondaria, diagenesi delle rocce carbonatiche
Esercitazioni al microscopio
• Ambienti sedimentari
Esempi di ambienti sedimentari continentali (fluviale, glaciale, eolico, lacustre) e marini (costiero e profondo), con relative facies e palinsesti deposizionali

Modulo GEOLOGIA STRATIGRAFICA (5 CFU – docente Carlo Corradini)
• Introduzione alla stratigrafia.
Cenni storici. Definizioni. I principi di Stenone. Discontinuità. Concetto di successione faunistica. Datazioni relative e la costruzione della scala del tempo geologico.
La “International Commission on Stratigraphy”: funzioni e metodi
• Principi di classificazione stratigrafica
Il Codice Internazionale di Stratigrafia. Categorie stratigrafiche e procedure; stratotipi.
Unità litostratigrafiche, biostratigrafiche, cronostratigrafiche e geocronologiche.
Metodi geocronologici e datazioni.
Cenni di Magnetostratigrafia: Paleomagnetismo, applicazioni della metodologia, esempi.
Chemostratigrafia: Cenni di geochimica degli isotopi stabili (O, C e Corg, S e Sr), frazionamento e δ notation. Stratigrafia isotopica: significato e applicazioni.
• Stratigrafia quantitativa
il metodo delle Correlazioni grafiche. Esempi ed esercizi.
• Stratigrafia sequenziale (cenni).
Introduzione alla stratigrafia sequenziale. Oscillazioni assolute e relative del livello del mare, trasgressioni e regressioni. La Sequenza Deposizionale (definizione). Limiti di sequenza, superfici di trasgressione, regressione, di massimo annegamento e loro significato dinamico

Modalità di verifica dell'apprendimento 

Esame orale

Altre informazioni 

Orario di ricevimento da concordare ogni volta con gli studenti

Testi di riferimento 

Nichols G. - Sedimentology and Stratigraphy. Blackwell, Oxford.

Wezel – Compulsare gli archivi storici della Terra – Boringhieri

Dispense preparate dal docente (Powerpoint delle lezioni)

ICS Timescale (app per Android)


Torna all'elenco insegnamenti