Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

STORIA DELLA CRITICA D'ARTE (103LE)

A.A. 2019 / 2020

Periodo 
Secondo semestre
Crediti 
9
Durata 
45
Tipo attività formativa 
Caratterizzante
Percorso 
[LE07+2+ - Ord. 2017] studi letterari e storico-artistici
Syllabus 
Lingua insegnamento 

Italiano

Obiettivi formativi 

Gli obiettivi formativi sono così sintetizzabili:
1. Conoscenza e capacità di comprensione: al termine del corso lo studente avrà acquisito una conoscenza generale della letteratura artistica (fonti primarie e secondarie) e dei suoi principali autori.
2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: al termine del corso lo studente sarà in grado di valutare nel suo contesto storico una fonte primaria o secondaria.
3. Autonomia di giudizio: al termine del corso lo studente sarà in grado di leggere criticamente un testo.
4. Abilità comunicative: al termine del corso lo studente sarà in grado di esporre chiaramente le conoscenze acquisite dimostrando inoltre di dominare la terminologia specifica.
5. Capacità di apprendimento: al termine del corso lo studente sarà in grado di comprendere l’uso delle fonti da parte degli storici dell’arte e di trasferire tale conoscenza anche nelle altre discipline.

Prerequisiti 

Nessuno

Contenuti 

Il corso di Storia della Critica d’arte si avvia con un’introduzione alla letteratura artistica che richiama i lineamenti storici della disciplina dall’antichità all’età moderna.
Al fine di consentire agli studenti di acquisire una capacità di lettura critica di testi e fonti, si esamineranno due casi significativi relativi l’arte moderna e l’arte contemporanea.
Nella prima parte del corso si affronterà la lettura della Vita di Filippo Brunelleschi di Giorgio Vasari collocandola nel contesto storico e ponendone in evidenza le peculiarità filologiche.
Nella seconda parte si affronteranno gli esordi del Cubismo. Inoltre l’analisi del testo di Leo Steinberg permetterà di comprendere un metodo di indagine fondato sulle fonti visive e letterarie.

Metodi didattici 

Lezioni frontali.
Analisi dei testi e esercitazioni (lettura dettagliata di alcune fonti moderne e contemporanee con partecipazione attiva degli studenti).

Modalità di verifica dell'apprendimento 

L’esame orale appurerà la conoscenza, da parte dello studente, dei lineamenti principali della disciplina e degli autori fondamentali. Infine lo studente dovrà dimostrare un approccio critico ai testi proposti nel programma. Sarà richiesto di dominare la discussione e di comparare le diverse fonti proposte durante le lezioni.

Altre informazioni 

La bibliografia per gli studenti non frequentanti (meno del 70% delle lezioni) prevede la lettura e lo studio di un testo ulteriore (v. testi di riferimento).

Testi di riferimento 

Antologia critica di testi (da G. Vasari a D. H. Kahnweiler) a cura del docente.
Enrico Castelnuovo, Di cosa parliamo quando parliamo di storia dell’arte, in La cattedrale tascabile: scritti di storia dell'arte, Livorno 2000, pp. 69-84.
D. Gioseffi, Compendio della letteratura artistica dall’Antichità all’età moderna, dispensa del corso di Storia della Critica d’Arte, a.a. 1969-1970, pp. 1-25.
E. H. Gombrich, The Literature of Art (1952), egl. transl. by M. Marmor in “Journal of the Art Libraries Society of North America”, vol. 11, No. 1 (Spring 1992), pp. 3-11.
L. Grassi, Pensiero e significato del Vasari scrittore e biografo, in Giorgio Vasari, Le vite de' più ..., Novara 1967, pp. 1-17.
L. Steinberg, The Philosophical Brothel, in “October”, Vol. 44, Spring, 1988, pp. 7-74.
N.B.
Per gli studenti non frequentanti è richiesta la preparazione dell’Introduzione di Donata Levi in Il discorso sull'arte: dalla tarda antichità a Ghiberti, Milano 2010, pp. 1-32.


Torna all'elenco insegnamenti