Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

FILOSOFIA MORALE (040LE)

A.A. 2019 / 2020

Docenti 
Periodo 
Secondo semestre
Crediti 
9
Durata 
45
Tipo attività formativa 
Affine/Integrativa
Percorso 
[LE07+2+ - Ord. 2017] studi letterari e storico-artistici
Mutuazione 
Mutuato: LE01 - 040LE - FILOSOFIA MORALE
Syllabus 
Lingua insegnamento 

ITALIANO

Obiettivi formativi 

Il corso inizierà con una panoramica della problematica trattata.
Lo scopo del corso è primariamente quello di preparare, in termini di
conoscenza e comprensione, ma anche di applicazione pratica alla
situazione attuale, alla analisi critica di un determinato discorso
antropologico di particolare importanza ed incidenza nella cultura
europea.

Prerequisiti 

Una conoscenza di base della storia della filosofia moderna e contemporanea.

Contenuti 

Corso di Filosofia morale

Titolo del corso. La caccia alle streghe: fondamenti antropologici e filosofici

Il corso si concentra sui presupposti antropologici e filosofici
della caccia alle streghe nel Malleus maleficarum (1486-87). Il testo in
questione costituisce il più noto, il più citato e il più tradotto trattato
sull'argomento. Il suo influsso, assieme all'immagine negativa delle
donne che esso propagò per tutta l'Europa, fu enorme, tanto da poter
affermare che il Malleus costituisce un esempio paradigmatico di come,
nesi secoli successivi alla sua pubblicazione, in Occidente venne fatta
propria e veicolata una certa immagine dell'uomo e della donna. Il fine
del corso è quello di mettere in risalto i presupposti filosofici
del Malleus, cioè il discorso antropologico che ne sorregge tutta
l'impalcatura.

Metodi didattici 

Didattica frontale, con lettura e commento di testi.

Programma esteso 

Corso di Filosofia morale

Titolo del corso. La caccia alle streghe: fondamenti antropologici e filosofici

Il corso si concentra sui presupposti antropologici e filosofici
della caccia alle streghe nel Malleus maleficarum (1486-87).

Il testo in
questione costituisce il più noto, il più citato e il più tradotto trattato
sull'argomento. Il suo influsso, assieme all'immagine negativa delle
donne che esso propagò per tutta l'Europa, fu enrome, tanto da poter
affermare che il Malleus costituisce un esempio paradigmatico di come,
nesi secoli successivi alla sua pubblicazione, in Occidente venne fatta
propria e veicolata una certa immagine dell'uomo e della donna. Il fine
del corso è quello di mettere in risalto i presupposti filosofici
del Malleus, cioè il discorso antropologico che ne sorregge tutta
l'impalcatura.
Testi d'esame

Pagine scelte dai seguenti testi:
1. H. Institor (Krämer), J. Sprenger, Il martello delle streghe, Milano 2006
(Parte I);
2. M. Romanello, La stregoneria in Europa, Bologna, 1975, pp.7-62;323-
343;
3. P. Segl, Der Hexenhammer. Entstehung und Umfeld des Malleus
maleficarum von 1487, Köln-Wien, 1988 (pagine scelte);
4. A. Mitterer, Mann und Weib nach dem biologischen Weltbild des hl.
Thomas und dem Gegenwart, Innsbruck 1933;
5.H.-P. Broedel, The Malleus Maleficarum and the construction of
witchcraft, Manchester 2003;
6. Sant'Agostino,
La città di Dio, Brescia 2000 Libro VIII,
IX e XV;
7. S. Clark, Aristotle's man, Oxford 1975.

Il corso inizierà con una panoramica della problematica trattata.
Lo scopo del corso è primariamente quello di preparare, in termini di
conoscenza e comprensione, ma anche di applicazione pratica alla
situazione attuale, alla analisi critica di un determinato discorso
antropologico di particolare importanza ed incidenza nella cultura
europea.
Una conoscenza di base della storia della filosofia moderna e contemporanea.
Didattica frontale, con lettura e commento di testi.
Alla fine del corso verranno fornite delle slides e delle dispense su tutte le lezioni tenute durante il semestre.
Esame orale finale o elaborato scritto da concordare e discutere col docente, da presentare durante il corso e da discutere pubblicamente, per verificare le capacità critiche e metodologiche acquisite dal singolo studente. Il corso aiutera gli studenti a strutturare e articolare in maniera autonoma, da un punto di vista critico e metodologico, l'argomento analizzato e trattato.

Modalità di verifica dell'apprendimento 

Esame orale finale o elaborato scritto da concordare e discutere col docente, da presentare durante il corso e da discutere pubblicamente, per verificare le capacità critiche e metodologiche acquisite dal singolo studente. Il corso aiutera gli studenti a strutturare e articolare in maniera autonoma, da un punto di vista critico e metodologico, l'argomento analizzato e trattato.

Altre informazioni 

Alla fine del corso verranno fornite delle slides e delle dispense su tutte le lezioni tenute durante il semestre.

Testi di riferimento 

Testi d'esame
Pagine scelte dai seguenti testi:
1. H. Institor (Krämer), J. Sprenger, Il martello delle streghe, Milano 2006
(Parte I);
2. M. Romanello, La stregoneria in Europa, Bologna, 1975, pp.7-62;323-
343;
3. P. Segl, Der Hexenhammer. Entstehung und Umfeld des Malleus
maleficarum von 1487, Köln-Wien, 1988 (pagine scelte);
4. A. Mitterer, Mann und Weib nach dem biologischen Weltbild des hl.
Thomas und dem Gegenwart, Innsbruck 1933;
5.H.-P. Broedel, The Malleus Maleficarum and the construction of
witchcraft, Manchester 2003;
6. Sant'Agostino,
La città di Dio, Brescia 2000 Libro VIII,
IX e XV;
7. S. Clark, Aristotle's man, Oxford 1975.


Torna all'elenco insegnamenti