Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

STORIA DELL'ARCHITETTURA (037AR)

A.A. 2019 / 2020

Docenti 
Periodo 
Secondo semestre
Crediti 
8
Durata 
64
Tipo attività formativa 
Base
Percorso 
[PDS0-2018 - Ord. 2018] comune
Syllabus 
Lingua insegnamento 

Italiano

Obiettivi formativi 

Oltre ad estendere la cultura architettonica dello studente questo corso mira ad affinare i suoi strumenti di lettura, interpretazione e apprendimento.
In particolare, con riferimento ai descrittori di Dublino, lo studente alla fine del corso dovrà dimostrare di:

D1 – Conoscenze e capacità di comprensione
- avere acquisito la terminologia specialistica e del ‘linguaggio classico’ dell’architettura necessari ad affron-tare l’architettura occidentale antica, medievale e moderna;
- conoscere le linee di sviluppo principali e alcune questioni nodali dell’architettura occidentale dall’antichità alle soglie della modernità attraverso le opere e i fenomeni approfonditi nel corso;
- conoscere i contesti e le caratteristiche formali, tecnico-materiali, funzionali e rappresentative delle opere e dei fenomeni esaminati;
- avere acquisito familiarità, a livello introduttivo, con i materiali di studio e gli strumenti di ricerca multidisci-plinari della storia dell’architettura.

D2 – Capacità di applicare conoscenze e comprensione
- saper distinguere, descrivere e inquadrare storicamente le opere, i fenomeni e le questioni affrontati a le-zione;
- saper reperire la bibliografia di riferimento e orientarsi fra i materiali e gli strumenti di studio bibliografici e informatici; saper redigere una bibliografia.

D3 – Autonomia di giudizio
- essere in grado di confrontare architetture appartenenti allo stesso contesto o a contesti diversi, relativa-mente alle opere affrontate nel corso, e di inquadrare opere non conosciute rispetto ai contesti esaminati;
- essere in grado di proporre riflessioni personali su questioni storiografiche presentate a lezione;
- essere in grado di valutare criticamente le risorse bibliografiche e informatiche.

D4 – Abilità comunicative
- saper esporre verbalmente, con un vocabolario specialistico appropriato, quanto appreso e gli esiti di un autonomo approfondimento.

D5 – Capacità di apprendimento
- sapere impostare un approfondimento o un’autonoma ricerca storico-architettonica nell’area di studio del corso utilizzando con senso critico le risorse bibliografiche e informatiche.

Prerequisiti 

Conoscenza delle coordinate cronologiche e degli eventi cardine della storia del mondo occidentale.
Gli studenti Erasmus o di altri programmi di mobilità internazionale devono comprendere ed esprimersi in Italiano in maniera adeguata per partecipare a tutte le attività del corso ed essere ammessi come frequentanti o, in alternativa, attenersi a quanto previsto per non frequentanti (v. infra, Altre informazioni).

Contenuti 

Offerto al secondo anno, dopo che lo studente ha già affrontato la storia dell’architettura contemporanea, questo corso considera l’architettura nel mondo occidentale dall’antichità greca all’inizio dell’Ottocento.

La prima parte, dedicata all’architettura antica e medievale, si struttura in unità tematiche:
- Alle radici della tradizione ‘classica’: architettura nella Grecia antica
- Assimilazione e innovazione nell’architettura romana
- Appropriazione e sovvertimenti nell’architettura costantiniana e paleocristiana
- Continuità e sviluppi fra la fine del X e la prima metà del XII secolo
- L’«opus francigenum»: sperimentazioni e traguardi fra XI e XIII secolo.

La seconda si incentra sull’opera di singoli ‘maestri’ che, dall’inizio del XV secolo, riportarono in auge e rinnovarono la tradizione architettonica ‘classica’ fino all’emergere dei nuovi linguaggi espressivi della modernità:
- Brunelleschi
- Alberti
- Bramante
- Michelangelo
- Palladio
- Bernini
- Borromini
- Piranesi
- Schinkel.

Si tratta, nel complesso, di uno scenario vastissimo e diversificato – seppure connesso dalle vicende di un linguaggio architettonico riconoscibile – di cui il corso non proporrà una panoramica, inevitabilmente nozionistica e superficiale, ma affronterà, con puntuali e specifiche discussioni, una selezione di opere e casi di studio cruciali. Ciò permetterà anche di valutare aspetti generali del progetto di architettura, quali le relazioni con il luogo e l’ambiente; gli esiti architettonici dei materiali e delle tecniche costruttive impiegati; la formazione, il ruolo della committenza; i saperi, le condizioni sociali e professionali e la creatività dell’architetto; le ricorrenti e mutevoli relazioni con i modelli antichi. Filo conduttore sarà proprio il rapporto con il ‘passato’: un rapporto incessante e mutevole, che coinvolge il nostro stesso sguardo.

Metodi didattici 

Lezioni frontali integrate da descrizioni, discussioni ed esercitazioni collettive. Le esercitazioni consisteranno nella simulazione della prova di terminologia, nell’identificazione ragionata di opere esaminate a lezione o nell’inquadramento di opere non esaminate rispetto ai fenomeni/contesti discussi nel corso.

Modalità di verifica dell'apprendimento 

Le modalità di verifica previste per i frequentanti (studenti che hanno seguito almeno ¾ delle ore del corso) consistono in:
- prova intermedia scritta sulla terminologia;
- colloquio finale, in cui lo studente dovrà riconoscere, descrivere e contestualizzare le opere esaminate a lezione; rispondere a domande sui contenuti del corso a partire dalle opere identificate; presentare il percor-so e i risultati di un’autonoma ricerca bibliografica su un argomento attinente al corso.

L’esito finale terrà conto della prova intermedia scritta (20%), della frequenza e della partecipazione alle attività del corso (20%), del colloquio finale (60%: contenuti del corso 40%, approfondimento bibliografico a scelta 20%).

Altre informazioni 

Gli studenti che per serio motivo non riescono a frequentare devono fissare un appuntamento durante il semestre di lezione per concordare un programma di studio e modalità di verifica individuali.

Testi di riferimento 

Considerati l’ampio arco cronologico e l’impostazione del corso, non si utilizzeranno testi di riferimento complessivo. Specifiche bibliografie ragionate, relative a ciascuna unità tematica, saranno pubblicate sulla piattaforma Moodle del corso insieme ad altri materiali didattici e utili allo studio.


Torna all'elenco insegnamenti