Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

STORIA DELLA CITTA' E DEL TERRITORIO (995AR)

A.A. 2018 / 2019

Periodo 
Secondo semestre
Crediti 
6
Durata 
48
Tipo attività formativa 
Base
Percorso 
[PDS0-2015 - Ord. 2015] comune
Syllabus 
Lingua insegnamento 

italiano

Obiettivi formativi 

1 Conoscenza e capacità di comprensione
Lo studente deve dimostrare di possedere le conoscenze di base di alcuni fenomeni di trasformazione urbana e territoriale avvenuti nel corso del Novecento, con particolare riferimento agli spazi e agli oggetti architettonici che determinano processi di identità urbana.
2 Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Lo studente deve sapere applicare le conoscenze acquisite e comprendere il contesto storico-architettonico dove i piani di trasformazione urbana sono stati proposti o attuati.
3 Autonomia di giudizio
Lo studente deve dimostrare di possedere gli strumenti per una comprensione storico-critica delle opere architettoniche esaminate.
4 Abilità comunicative
Lo studente alla fine del corso dovrà essere in grado di presentare gli argomenti studiati con proprietà di linguaggio.
5 Capacità di apprendimento
Lo studente deve dimostrare di applicare le proprie conoscenze storiche, con particolare riferimento agli spazi e agli oggetti architettonici che determinano processi di identità urbana.

Prerequisiti 

Conoscenze di base di storia contemporanea e di storia dell'architettura contemporanea.

Contenuti 

Il corso prende in esame una serie di piani di trasformazione urbana elaborati nel Novecento. L’analisi verte sul confronto tra le diverse idee e modelli di sviluppo urbano; sulla critica rivolta da questi dispositivi progettuali ai processi tradizionali di crescita delle città. In particolare, oggetto del corso è la ricostruzione storica di alcuni episodi emblematici di modificazione, che hanno riconfigurato il volto delle città. Questi episodi si caratterizzano per la loro volontà di assegnare nuove identità allo spazio urbano. Oggetto di studio saranno alcune città europee ed americane tra cui Amsterdam, Vienna, Francoforte, Roma, Trieste, Torino, Napoli, Stoccolma, Algeri, Bogotà, Milano, Parigi, Detroit, Brasilia, Barcellona, Berlino.

A metà e a fine corso sono previste due prove scritte sul programma svolto.

Programma:
Urbanistica in Olanda. Vienna rossa.
Urbanistica in Germania.
La nuova Francoforte.
La nuova città socialista.
Roma fascista.
Città italiane tra le due guerre.
Città di fondazione.
Progetti per la città razionalista.
Le città di Le Corbusier.
Londra e le new Town inglesi nel dopoguerra.
Progetti di trasformazioni urbane in Italia nel dopoguerra.
Dibattito sulla città nei Ciam nel dopoguerra.
Piani di ricostruzione della città dopo la guerra.
Ripensare la città.
Due casi di riqualificazione: Barcellona e Berlino.

Metodi didattici 

Il corso prevede lezioni ex cathedra con discussione alla fine della lezione. Alla fine del corso è previsto un seminario conclusivo di discussione e di approfondimento sui contenuti del corso. Allo studente viene richiesta una breve tesina scritta, scelta a suo piacere, su uno degli argomenti trattati nel corso.

Programma esteso 

Urbanistica in Olanda: Amsterdam e Rotterdam. Vienna rossa.
Urbanistica in Germania: Berlino.
La nuova Francoforte. Le siedlung di May: Niedderad, Praunheim, Römerstadt,
La nuova città socialista. Magnitogorsk, Stalingrad. Piani per Mosca.
Roma capitale del regno. Roma negli anni del fascismo.
Città italiane tra le due guerre: Trieste, Udine, Brescia, Milano, Torino, Genova, Napoli.
Città di fondazione: Littoria, Sabaudia, Aprilia, Guidonia, Torviscosa, Arsia, Carbonia.
Progetti per la città razionalista: Como e Milano
Le città di Le Corbusier: Algeri, Barcellona, Anversa, Stoccolma, Nemours, Hellocourt, Parigi, Saint Dié, Bogotà, Chandigarh. Londra e le new Town inglesi nel dopoguerra.
Progetti di trasformazioni urbane in Italia nel dopoguerra. Il Villaggio Olimpico a Roma. Il quartiere Cep a San Giuliano, Mestre. Il Quartiere Gallaratese a Milano.
Dibattito sulla città nei Ciam nel dopoguerra.
Piano per la città dei motori di Sert. Piani di ricostruzione: Le Havre di Perret; Lijnbaan a Rotterdam di Van den Broek e Bakema.
Lafayette Park a Detroit di Hilberseimer e Mies van Der Rohe. Kahn per Philadelphia. Brasilia di Costa e Niemeyer. Piano per Tokio di Tange. Milton Keynes. Piani e progetti per la riqualificazione di Barcellona. Berlino: dai piani di Speer all'Iba.

Modalità di verifica dell'apprendimento 

A metà e a fine corso sono previste due prove scritte di verifica sull'apprendimento del programma svolto.

L'esame verte in un colloquio nel quale lo studente dovrà dimostrare la conoscenza dei temi, delle cronologie, dei personaggi, delle opere affrontate nel corso.

Altre informazioni 

I non frequentanti devono concordare il programma con il docente

Testi di riferimento 

Bibliografia
M. Biraghi, Storia dell’architettura contemporanea, Einaudi, Torino 2008.

Alla fine di ogni lezione verrà fornita una bibliografia specifica sugli argomenti trattati.


Torna all'elenco insegnamenti