Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

HOSPITALITY INTERIOR DESIGN (066AR)

A.A. 2019 / 2020

Periodo 
Primo semestre
Crediti 
4
Durata 
32
Tipo attività formativa 
A scelta dello studente
Percorso 
[PDS0-2018 - Ord. 2018] comune
Syllabus 
Lingua insegnamento 

ITALIANO - INGLESE

Obiettivi formativi 

Il corso affronta lo studio del progetto di interni declinato al tema dell’ospitalità inserito nella cornice del dibattito architettonico, dal moderno al contemporaneo. Una materia di studio assai vasta in cui elaborazione teorica e pratica del progetto si intrecciano a modi diversi di intendere l’architettura, di studiarla e di renderla trasmissibile. L’attività di apprendimento avverrà attraverso lezioni e conferenze improntate su temi chiave dell’architettura degli interni con particolare attenzione alla declinazione allo spazio dell’ospitalità e alternati tra valore tecnico e valore teorico.
La docenza intende guidare gli studenti nella acquisizione di alcune categorie di osservazione e descrizione di casi architettonici attraverso l’esperienza dei più elementari strumenti che dall’ideazione conducono alla costruzione.
Particolare attenzione critica sarà dedicata a ruolo e funzione della “composizione” nell’organizzazione della materia concettuale da cui, attraverso azioni di memoria e invenzione, prendono corpo i processi di costruzione dell’idea e della forma del vuoto nel progetto di architettura d’interni. Obiettivo principale del corso è offrire un solido metodo che prepari gli studenti alla professione che li porterà ad affrontare e sviluppare spazi abitativi, spazi dedicati all’ospitalità, e spazi dedicati al consumo.

Prerequisiti 

Per lo svolgimento del corso è richiesta una buona capacità di utilizzo degli strumenti di ricerca bibliografica e documentale, capacità di studio e attenzione progressiva, abilità di disegno digitale e nella modellazione sia digitale che plastica, abilità nelle foto simulazioni. Al corso potranno partecipare solo gli studenti del III, IV, V anno di corso. Il numero dei partecipanti e fissato in un numero massimo di 20 studenti sino ad esaurimento dei posti. Gli studenti saranno selezionati in base a colloquio solo se le domande di partecipazione superassero le 20 unità.

Contenuti 

Il corso di Hospitality Interior Design si propone di indagare i temi legati allo spazio abitato nella sua accezione più ampia dell'abitare contemporaneo, caratterizzato dalla costante ricerca di soluzioni flessibili in grado di rispondere ai cambiamenti delle modalità di fruizione dello spazio interno declinato al più ampio concetto di ospitalità, invero della capacità di uno spazio di accogliere chi lo abita. Lo spazio abitato diviene così ambito di indagine che combina aspetti oggettivi – percorsi e relazioni fra le parti, rapporto con l’intorno, vincoli e soluzioni formali – ad aspetti soggettivi – esigenze individuali e percezione degli spazi – sarà oggetto di approfondimenti mirati alla ricerca di un equilibrio fra risultato formale, soluzione funzionale e qualità estetica.
Il corso, nel suo svolgimento, mira allo sviluppo critico di alcuni temi fondamentali finalizzati alla gestione e riconfigurazione di un interno rispetto all’assunzione di una necessità funzionale nuova. Lezioni mirate permetteranno di acquisire concetti e strumenti utili allo sviluppo di un processo conoscitivo e progettuale critico indirizzato alla riconfigurazione di un interno rispetto a ciò che lo circonda. Attraverso letture specifiche focalizzate in quattro elementi conoscitivi di base quali: materia, luce, colore, superficie, si andranno a ricodificare i potenziali dinamismi dello spazio abitato nella sua declinazione più prossima all’ospitale. Nel corso sono previste lezioni frontali improntante su due gradi di conoscenza, quello tecnico e quello teorico, al fine di comprendere il quadro di complessità dell’architettura di un paesaggio interno. La finalità di questo approccio tecnico e critico è indirizzata alla maturazione nello studente di apposite capacità critiche e progettuali sulla qualità delle relazioni degli spazi interni e della loro fruibilità sia spaziale che emozionale. Parallelamente all’aspetto teorico pratico permane la presenza del mondo della produzione, e della lavorazione dei materiali attraverso visite mirate ad aziende del mondo della produzione del complemento e dell’arredo.

Metodi didattici 

L’attività didattica viene svolta in aula e presso le sedi di aziende del settore collocate nel territorio del Friuli Venezia Giulia. Le attività didattiche prevedono lezioni frontali lo svolgimento di Ex tempore ed esercitazioni. L’attività di Ex Tempore si svolgeranno in compresenza della docenza che guida e sviluppa con gli studenti le diverse fasi di elaborazione delle analisi compositive. Le fasi essenzialmente avverranno con il disegno, la realizzazione di tavole grafiche e modelli di studio. Per le ex tempore dovranno essere portati in aula come anche durante tutte le lezioni i materiali per il disegno e la realizzazione di modelli che verranno indicati dalla docenza il primo giorno di lezione.

Modalità di verifica dell'apprendimento 

Durante il corso lo studente verrà valutato nelle singole attività previste di elaborazione secondo le ex tempore assegnata. Alla fine del corso vi sarà un esame orale nel quale verranno verificate le conoscenze bibliografiche e valutati i materiali prodotti durante il corso. Per sostenere l’esame oltre agli elaborati di progetto che verranno comunicati all’inizio del corso lo studente dovrà preparare un testo di 4000 battute descrittivo delle scelte progettuali adottate.

Altre informazioni 

Le lezioni si svolgeranno in aula e presso le sedi di aziende del settore con attività di tipo laboratoriale. Si richiede una presenza costante a tutte le lezioni in quanto l’attività si svolge in modo diretto tra studente-docente-visiting professor con revisioni individuali.

Testi di riferimento 

Adriano Cornoldi, Architettura degli interni, Il Poligrafo, Padova, 2005
Carlos Martì Aris, Silenzi eloquenti, Cristian Marinotti Edizioni, 2002
Giò Ponti, Amate l'architettura, Rizzoli, Milano 2008


Torna all'elenco insegnamenti