Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

COMPOSIZIONE ARCHITETTONICA 5 (049AR-1)

A.A. 2019 / 2020

Periodo 
Annualità singola
Crediti 
6
Durata 
48
Tipo attività formativa 
A scelta dello studente
Percorso 
[PDS0-2015 - Ord. 2015] comune
Syllabus 
Lingua insegnamento 

ITALIANO

Obiettivi formativi 

L’esperienza progettuale del laboratorio in cui si colloca il corso di composizione architettonica pone in evidenza due aspetti, non disgiunti riferiti alla capacità di affrontare la complessità e l’interlocuzione tra tecniche diverse e diversi saperi disciplinari .
Se l’interazione tra i vari insegnamenti corrisponde a tale obiettivo nella gradualità delle azioni , delle sperimentazioni, nell’interscalarità del progetto visto come campo d’immanenza continuo. La relazione dialettica tra dimensione fisica e dimensione fenomenica rappresenta il focus verso cui è tesa l’intenzione formativa del corso di composizione che nella definizione-costruzione di un progetto visto come “dispositivo sensibile” traduce,sottolinea e rende manifesta la circolarità causale delle interazioni propria dei sistemi complessi.

Prerequisiti 

Aver frequentato i laboratori e i corsi propedeutici come previsto dal regolamento dei corsi di studio

Contenuti 

Il corso di composizione architettonica , parte fondamentale del laboratorio di Architettura integrata , seguendo una logica da atelier ,dunque attraverso un costante lavoro di sviluppo verifica e interlocuzione , affronterà lo studio delle relazioni congruenti tra modalità connettive, tecniche compositive e costruttive nelle espressioni-declinazioni più attuali e disincantate del progetto Architettonico. Con riferimento all’esemplarità dei casi verrà posta in evidenza la processualità attinente il progetto contemporaneo, il suo prodursi come “dispositivo sensibile” atto a interpretare la variabilità e la complessità delle condizioni, il mutamento, la contingenza e il caso secondo una strategia di pensiero tale da coniugare la specificità architettonica con l’indeterminatezza programmatica. In questa direzione l’esperienza progettuale rappresenterà terreno di apprendimento e temine di riscontro nell’affrontare la complessità ,intesa come capacità di cogliere la pluralità la diversità e l’interconnessione come elementi costitutivi di un’unità considerata ben oltre una mera sommatoria di parti.

Metodi didattici 

Comprendono lezioni di carattere teorico, comunicazioni riferite a casi sudio, attività seminariali e di workshop, secondo una prassi che unisce apprendimento e sperimentazione in un rapporto aperto e dialettico con la docenza. i Workshop rappresentano momenti di sintesi a conclusione delle varie fasi di svolgimento dell’attività teorica e progettuale

Modalità di verifica dell'apprendimento 

L’esperienza progettuale articolata in più fasi comprenderà momenti di sintesi e di verifica dell’apprendimento in occasione dei workshop espressamente organizzati. A conclusione di questi ,nel secondo semestre, il riscontro relativo alla qualità e congruità dei progetti e degli elaborati in fieri, sarà condotta in forma seminariale alla presenza di invitati esterni di chiara fama.
L’esame finale consisterà nella discussione dei temi e nell’esposizione critica degli elaborati di progetto.
Lo svolgimento delle esercitazioni e la partecipazione alle attività didattiche e seminariali in aula è considerata condizione necessaria all’ammissione.

Altre informazioni 

Ulteriori informazioni e comunicazioni relative al corso di composizione nel laboratorio di progettazione integrata a:
prof. arch. Giovanni Fraziano
gfraziano@units.it

Testi di riferimento 

• Ignasi de Solà Morales, Decifrare l'architettura. Inscripciones del XX secolo, Allemandi, Torino, 2001
• Luciano Semerani, Attrazione e contrasto tra le forme,Teca 8 CLEAN, Napoli, 2013
• Rafael Moneo, Inquietudine teorica e strategia progettuale nell’opera di otto architetti contemporanei, Electa, Milano, 2007
• Giovanni Fraziano, Percorsi accidentali, Lint , Trieste 2012
• Giovanni Fraziano, Vita activa, Lint, Trieste 2014
• Peter Sloterdijk, L’imperativo estetico, scritti sull’arte, Raffaello Cortina 2017


Torna all'elenco insegnamenti