Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

ARCHITETTURA DEL PAESAGGIO (049AR-8)

A.A. 2021 / 2022

Docenti 
Periodo 
Annualità singola
Crediti 
6
Durata 
48
Tipo attività formativa 
Altro
Percorso 
[PDS0-2015 - Ord. 2015] comune
Syllabus 
Lingua insegnamento 

ITALIANO

Obiettivi formativi 

CONOSCENZA E CAPACITA’ DI COMPRENSIONE
L’obiettivo formativo del corso consiste nel fornire agli studenti la capacità di ideazione e sviluppo del progetto di paesaggio “in coordinamento” con gli obiettivi e contenuti del Laboratorio di Progettazione Integrata, e “in integrazione” con gli obiettivi e i contenuti degli altri 3 Corsi interni al Laboratorio. Lo studente sarà chiamato a rispondere a 5 sotto-obiettivi: 1. Sviluppare la creatività e l’ideazione; 2. Educare all’osservazione dell’esistente; 3. Imparare tecniche e strumenti del landscaping; 4. Sviluppare la capacità di giudizio critico, usando criteri e modalità di (auto)verifica; 5. Sperimentare linguaggi, media e supporti diversi per comunicare il progetto;

CONOSCENZA E CAPACITA’ DI COMPRENSIONE APPLICATA
Lo studente dovrà quindi raggiungere i seguenti obiettivi:
1. Approfondire il concetto di paesaggio, luogo, ambiente, territorio, e spazio; 2. Capacità di declinazione critica delle principali teorie paesistiche per lo sviluppo del caso studio; 3. Applicazione delle tecniche e degli strumenti propri del landscaping: dal disegno della scala vasta all’inserimento nei contesti urbani; 4. Capacità di analisi e interpretazione dei sistemi ambientali e paesaggistici esistenti in relazione agli altri sistemi e reti di riferimento; 5. Capacità di definizione di layout ambientali, di utilizzo pertinente delle specie vegetali, e di controllo della dimensione “evolutiva”; 6. Capacità di articolazione, modellazione e disegno del suolo; 7. Capacità di integrazione e coordinamento con tematiche infrastrutturali, idrauliche, geologiche; 8. Controllo della dimensione percettivo-estetica; 9. Sviluppo della capacità di valutazione del “livello di inserimento”; 10. Sviluppo delle tecniche di dimensionamento e di verifica del “livello di servizio”.

AUTONOMIA DI GIUDIZIO
Lo studente dovrà essere in grado di sviluppare il progetto attraverso la “costruzione logica del discorso “, quindi dalla fase di analisi e raccolta dati, all’ideazione del concept, dal dimensionamento e coordinamento funzionale, fino a all'applicazione delle modalità di riscontro tecnico, dimostrando di aver acquisito la capacità di “scelta progettuale” in relazione alla costruzione di un “quadro della coerenza” del progetto (“discorso logico”) rispetto agli ambiti, ai temi, ai luoghi, ai criteri, alle scale e ai valori ritenuti più pertinenti rispetto alle tecniche e alle teorie trattate durante l’anno dalla docenza. In particolare l’autonomia del giudizio sarà sviluppata attraverso il seguente percorso: 1. sperimentare strumenti specifici come lo “scenario” o la “fattibilità tecnico-economica” (scelta), il “concept” o le “visuelle” (ideazione), gli abachi (sistematizzazione), i diagrammi (evoluzione), ecc.; 2. utilizzare il confronto e la dialettica, attraverso la discussione collegiale (docenti-studenti, studenti-studenti, specialisti esterni-studenti) in aula durante i seminari di verifica dello stato di avanzamento del progetto; 3. incentivando il lavoro di gruppo; 4. prevedendo ampio spazio a momenti di “learning by doing” attraverso il caso-studio; 5. sviluppando l’osservazione diretta sul campo (sopralluoghi e lezioni dal vero);

ABILITA’ COMUNICATIVE
Gli obiettivi formativi saranno completati dall’esercizio alla “trasmissione del progetto”. La docenza fornirà i fondamenti della grammatica della comunicazione visiva del paesaggio.

CAPACITA’ DI APPRENDERE
Lo studente dovrà essere in grado a fine del corso di comunicar

Prerequisiti 

I prerequisiti sono quelli previsti dal Laboratorio di Progettazione Integrata, ovvero aver frequentato i Laboratori propedeutici e aver assolto tutte le propedeuticità come previsto dal regolamento del Corso di studi.

Contenuti 

La docenza guiderà gli studenti all’acquisizione critica dei fondamenti della progettazione del paesaggio attraverso la conoscenza:

1) dell’evoluzione delle principali teorie paesaggistiche da metà del settecento ad oggi:
1.1 concetti chiave (“paese”, comunità, landscape, landschatf, ...)
1.2 sviluppo e declinazione semantica (della storia e della geografia)
1.3 principali figure del paesaggio (minerale/naturale)
1.4 principali teorie paesistiche e paesaggisti emblematici
1.5 principali ambiti del progetto (urbano ed extraurbano);
2) dello sviluppo e applicazione delle principali tecniche e strumenti di analisi e progetto;
3) delle modalità di interrelazione interdisciplinare con l’urbanistica, con la valutazione ambientale, con l’ecologia, con l’idraulica, con la geologia, con l’entomologia e con la meteorologia;
4) delle tecniche di disegno e comunicazione applicate alle varie “dimensioni” del paesaggio (materiali e immateriali), attraverso la sperimentazione di vari media, linguaggi, e modalità di rappresentazione (statica e dinamica);
5) e lo sviluppo di esercitazioni pratiche su casi studio che stimolino la capacità di valutazione (screening e monitoraggio) su situazioni reali, sempre all’interno di gruppi di lavoro (costituiti da 2-3 persone), in modo da incentivare l’attitudine alla dialettica e al confronto con posizioni diverse;

La docenza fornirà gli strumenti tecnici e teorici per la costruzione di un orizzonte culturale e di un sapere tecnico da parte dello studente, in cui collocare autonomamente e criticamente (per favorire l'autonomia di giudizio), il concetto di paesaggio nell’ambito del landscape urbanism, e rendere fluido il coordinamento con le attività del laboratorio di progettazione integrata.

Lo studente al termine del corso dovrà essere in grado di declinare in maniera tecnicamente pertinente, secondo le diverse scale e ambiti del progetto, i seguenti concetti: natura, luogo, territorio, sito, permeabilità, resilienza, evoluzione sistemica, involuzione ambientale, ri-naturalizzazione, inserimento, contestualizzazione e antropizzazione.

Lo studente al termine del corso dovrà essere in grado di gestire la "dimensione paesaggistica" in coordinamento con le altre proposte dal laboratorio. Nello specifico dovrà essere in grado di dare conto delle seguenti dimensioni del progetto paesaggistico:
1.dimensione estetica;
2. dimensione sistemico-naturalistica;
3. dimensione del concetto di patrimonio e valore;

Metodi didattici 

Il corso di Architettura del paesaggio si articolerà in: 1. lezioni teoriche ex cattedra, 2. lezioni su casi studio, 3. esercitazioni e seminari collettivi in aula, 4. revisioni e discussione con singoli gruppi di lavoro, 5. sopralluoghi guidati nelle aree studio, 6. seminari con docenti e professionisti esterni

Modalità di verifica dell'apprendimento 

L'esame si svolgerà mediante la presentazione degli elaborati grafici e scritti prodotti da ogni gruppo nel corso del laboratorio e un contemporaneo colloquio individuale sui temi teorico-disciplinari attinenti al progetto, trattati nel corso delle lezioni ed approfonditi con la lettura di alcuni volumi della bibliografia generale e di quella suggerita di volta in volta a lezione..

il corso di progettazione del Architettura del paesaggio prevede, in coordinamento con il laboratorio di progettazione integrata, delle discussioni intermedie durante i seminari ed una verifica conclusiva nell'esame finale che si svolgerà come descritto sopra.

Altre informazioni 

il corso di Architettura del Paesaggio è all'interno del Laboratorio di Progettazione Integrata (coord. prof.G. Fraziano).

l'attività didattica e anche il caso studio (progeto d'esame) del corso di Architettura del Paesaggio sono coordinati con gli altri 3 corsi interni al Laboratorio di Progettazione Integrata

per informazioni e comunicazioni relative al corso di Architettura del Paesaggio scrivere a:
prof. Adriano Venudo
avenudo@units.it

Testi di riferimento 

Letture propedeutiche 2018-2019:
0. T. Pericoli, Attraverso l’albero, una piccola storia dell’arte, Adelphi Edizioni Milano 2012
0. M. Ruff, Acqua, luce e gas: la trilogia dei lavori pubblici, Fannucci Editore Roma, 2004
0. L. Mattotti, Nell’acqua, Logoedizioni Modena, 2016;

Testi per lo sviluppo generale del corso:
1. I. Mc Harg, Progettare con la natura, Muzzio Padova 1989;
2. V. Romani, Il Paesaggio. Teoria e pianificazione, Franco Angeli Milano 1994, Angeli Milano 1994;
3. P. Laureano, La Piramide Rovesciata, il modello dell’oasi per il pianeta Terra, Bollati Boringhieri Torino 1995;
4. V. Calzolari, Storia e Natura come sistema, Argos Roma 1999
5. R. Gambino, Conservare, Innovare. Paesaggio, Ambiente, Territorio, Utet Torino 2000;
6. M. Venturi Ferriolo, Etiche di Paesaggio. Il progetto del mondo umano, Editori Riuniti Roma 2002;
7. E. Turri, La conoscenza del territorio. Metodologia per un’analisi storico‐geografica, Venezia, Marsilio 2002
8. C. Tosco, Il paesaggio come storia, Il Mulino Bologna 2007
9. Pandakovic, A. Dal Sasso, Saper vedere il paesaggio, Torino, UTET Università 2009;
10. G. Clement, Breve storia del giardino, Quodlibet Macerata 2012;
11. G. Ferrara, L’architettura del paesaggio italiano, Marsilio Venezia 2017;

Testi di supporto tecnico-applicativo:
12. J. Simon, L'arte di conoscere gli alberi, Mursia Editore, 1991
13. F. Zagari, Manuale di progettazione dei giardini, Mancosu Editore 2009;

Siti per riferimenti progettuali:
14. Landezine:
http://www.landezine.com/
15. International Biennal of Landscape Architecture:
http://www.coac.net/landscape/default_eng.html

Riviste specialistiche sul paesaggio:
1. Paisea (tutti I numeri)
2. Topos (tutti I numeri)
3. Lotus Navigator (tutti i numeri)

Filmografia:
- Koyaanisqatsi, regia di Godfrey Reggio, 1982
- Powaqqatsi, regia di Godfrey Reggio, 1988
- Naqoyqatsi, regia di Godfrey Reggio, 2002
- Paris, Texas, Wim Wenders, 1984
- Lisbon Story, Wim Wenders, 1995
- Into the wild, Sean Peen, 2007

Discografia di riferimento:
- Immaginary Landscape, John Cage, 1993
- Gran Pianola Music, John Adams, 1981
- produzioni Fluxus in generale (tutte)

Bibliografia specifica su:
- caso studio d'esame;
- approfondimenti tematici;
- testi di riferimento delle varie lezioni;
saranno forniti in aula durante le attività didattiche


Il nome del docente incaricato e il programma verranno pubblicati a breve


Torna all'elenco insegnamenti