Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

Obiettivi del corso

Il corso di studio "Coordinamento e gestione di servizi educativi" è un corso che, ai sensi dell'art. 1, comma 595, L. 205/2017, consente di ottenere la qualifica di "pedagogista" e promuove la formazione di figure apicali esperte nell'ambito dei servizi educativi, formativi e di cura alla persona nei diversi contesti formali, non formali e informali.
Il progetto formativo della LM-50 si propone di formare figure apicali e specialisti competenti nella promozione, organizzazione, coordinamento e gestione dei servizi educativi e formativi relativi ai differenti contesti di vita delle persone e ai diversi ambiti territoriali (dal locale al nazionale, fino all'europeo).
Il corso si rivolge pertanto alla formazione di una figura complessa e multisfaccettata dal punto di vista delle competenze in diversi ambiti: a partire da una solida base pedagogico-metodologico-didattica, spazia in ambito giuridico, storico, geografico, sociologico e psicologico. Una figura capace di leggere la complessità dell'evento educativo e di saperne dare adeguata analisi attraverso un rilevamento dei bisogni educativi e formativi reali (bisogni socio-assistenziali, di cura, riabilitativi e di quelli più specificatamente legati alla disabilità, alla marginalità e al disagio) e tramite risposte operative nei servizi e nei contesti capaci di valorizzare e di mettere a sistema i contributi di differenti professionalità.
Nella costruzione dell'offerta formativa, si è tenuto conto della necessità di valorizzare sia una solida preparazione teorica (in particolare sul versante delle discipline socio-psico-pedagogiche), sia di favorirne l'intreccio con la dimensione pratico-progettuale attraverso attività laboratoriali e un approccio generale ad apprendimenti di tipo riflessivo.
Soprattutto quest'ultimo aspetto sarà tenuto in considerazione nella strutturazione delle prove di profitto dei singoli insegnamenti che, oltre a dover accertare l'acquisizione dei contenuti disciplinari, dovranno consentire di valutare il grado di sviluppo delle competenze, anche di natura trasversale.

Entrando nel dettaglio del percorso formativo, rispetto all'area pedagogica, verranno proposte conoscenze e saranno sviluppate abilità e competenze relative all'individuazione, analisi ed interpretazione dei bisogni educativi e formativi nei differenti contesti formali e non formali. Altro focus rilevante sarà quello del coordinamento e della valutazione degli interventi, del personale educativo e dei servizi stessi, declinandosi sia negli aspetti di comunicazione (inclusi i sistemi di ICT) sia di utilizzo di strategie e metodi in contesto.
Per ciò che concerne le discipline storiche, geografiche, psicologiche, sociologiche e letterarie il percorso prevede la conoscenza approfondita dei sistemi socio-culturali, economici e formativi letti attraverso il contributo delle discipline storico, geografiche, sociologiche e psicologiche al fine di avere gli strumenti teorici e operativi per leggere la complessità educativa attraverso il contributo di molteplici punti di osservazione e di interpretazione, di teorie e metodi di indagine.
Infine per l'area giuridica, istituzionale, organizzativa ed economica il percorso formativo intende fornire e le conoscenze e sostenere lo sviluppo delle competenze necessarie relative alla comprensione ed utilizzo di un linguaggio specifico rispetto all'ambito normativo, economico, giuridico e istituzionale legati alle azioni di progettazione, gestione dei progetti e di coordinamento in una prospettiva di sostenibilità di processi e delle azioni.